10 segnali che ti fanno capire quanto durerà la vostra amicizia

amiicizia

L’amicizia è una cosa seria, non è una semplice frequentazione, è qualcosa di molto più completo e complesso. È voler essere sempre presente, è essere sempre disponibile a dare una mano, quale che sia il problema, senza alcuna esclusione, è essere pronti ad ascoltare, a perdonare, ad avere comprensione, a saper aspettare se del caso, insomma è quasi mettere l’amico/a in cima alla lista dei propri pensieri, senza alcuna eccezione.

Ecco quindi che una vera amicizia si riconosce facilmente, e trattandosi di qualcosa di unico, di eccezionale, anche di meraviglioso, va coltivata e difesa a costo di qualsiasi sacrificio, perché un vero amico/a non è affatto facile da trovare, e quindi in caso lo si perdesse, sarebbe oltremodo complicato trovarne un altro/a.

Le frequentazioni sono tutt’altra cosa, sono quelle così dette amicizie che però si possono dileguare in qualsiasi momento, quasi sempre nel momento del bisogno, perché è allora che si riconosce il vero amico/a. Non vi sono mezzi termini o eccezioni di sorta; il vero amico è amico per sempre, anche se per le vicende della vita ci si perde di vista, perché in tutti i casi i contatti continuerebbero, anche se non costanti, ma comunque frequenti.

Vi sono poi dei segnali che potrebbero lasciare intendere se una nuova amicizia può essere veramente tale, o se si tratta solo di una frequentazione e null’altro. Vediamo di cosa si tratta.

Amicizia duratura, 10 segnali

1) Quando si affronta un discorso, ci si parla, a volte non è necessario terminare la frase in quanto l’amico/a ha già capito tutto, tanto che potrebbe portare a termine il discorso, questo perché tra amici veri c’è sintonia, ci si conosce, si conoscono i gusti, le passioni, il modo di pensare, insomma si è come due libri aperti, l’uno per l’altro.

2) Si viene di fatto adottati dalle rispettive famiglie, è come entrare a far parte di un nuovo nucleo familiare. Il rapporto di amicizia è tale da coinvolgere anche i parenti che vedono l’amico del figlio/a come una persona di famiglia, del tutto ricambiati.

3) Si sta bene insieme anche senza la necessità di dover per forza parlare, riempire gli eventuali silenzi, che non vengono avvertiti come un momento imbarazzante. L’importante è stare insieme, godere delle stesse cose, dello stesso film, della stessa passeggiata, e via discorrendo.

4) Se si esce insieme, sia che si vada al cinema, a cena fuori o in vacanza, le spese non rappresentano un problema, nel senso che non si tengono i conti al centesimo perché alla fine, quello che ha speso uno/a dei due in meno una volta, lo farà in più alla successiva, senza nemmeno bisogno di farlo notare. È una cosa quasi automatica.

5) Ci si conosce alla perfezione, gusti, modo di pensare, tendenze politiche o religiose, praticamente non vi sono segreti, anche perché si è avuto modo di parlarne all’inizio della frequentazione.

6) Se si va a pranzo o cena fuori, le portate sono di fatto intercambiabili, o meglio, si possono condividere come qualsiasi altra cosa che si fa insieme.

7) Si nutrono sentimenti di avversione, antipatia e addirittura odio verso le stesse persone, così come può avvenire anche il contrario, ovvero si apprezzano le stesse persone, anche se qui in alcuni casi potrebbe insorgere anche una certa gelosia, sentimento che tuttavia è tipico delle persone insicure.

8) Se si deve affrontare una discussione accesa, anche antipatica, lo si fa senza problemi, tanto si sa benissimo che, alla fine, non resterà nulla di quello che ci si è detto.

9) Si condividono i ricordi di gioventù, soprattutto se l’amicizia è cominciata molto presto, come del resto quasi sempre accade, e li si rivivono con la stessa allegria, a volte nostalgia.

10) Ci si prende in giro senza problemi, senza correre il rischio che l’altro/a possa aversene a male. Ecco, se ci si identifica in queste situazioni, allora è amicizia vera. Del resto, è quanto avviene anche nel mondo animale, spesso anche tra specie diverse.

Nessun commento.

Lascia un commento