Come fare pomodori secchi in casa

come fare pomodori secchi in casa

In questa guida vi illustrerò come fare pomodori secchi in casa, dandovi tutte le indicazioni su come procedere all’essiccazione e come conservarli al meglio. Perchè il pomodoro? Il pomodoro ha un larghissimo impiego in cucina sia crudo che cotto. È fondamentale consumare l’ortaggio perfettamente maturo! Solo nei frutti maturi, infatti, vi è la maggiore concentrazione di tutte le sostanze nutritive e salutari. I pomodori acerbi e verdastri contengono pochissimo licopene e molta solanina, una sostanza che può provocare reazioni allergiche anche notevoli. Da non sottovalutare il rischio di danneggiare  anche la flora batterica.

Perchè è preferibile mangiare il pomodoro cotto?

A differenza di tutti gli altri ortaggi, è consigliabile cuocere i pomodori: la cottura, infatti, rompe le pareti cellulari dell’ortaggio e rende il licopene meglio assimilabile dal nostro organismo, con tutti i vantaggi che ne derivano. Per maggiori informazioni vi rimando all’articolo “Pomodori e carote, perchè mangiarli cotti

Gli esperti consigliano di accompagnare il pomodoro con un filo d’olio d’oliva o con un buon bicchiere di vino rosso. I flavonoidi contenuti in questi due liquidi, infatti, arricchiscono l’azione del licopene e rendono maggiormente assimilabili le vitamine liposolubili. Per questo motivo il pomodoro non deve mai mancare in casa e visto che si tratta di un ortaggio stagionale estivo possiamo essiccarli per avere una buona scorta durante l’inverno.

 

Come fare pomodori secchi in casa, cosa ci occorre

  • 10 chili di pomodori San Marzano maturi, sodi e polposi preferibilmente biologici
  • 4 litri di olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • 20 foglie d’alloro
  • Un sacchettino di capperi
  • Origano
  • Teli di tulle

NOTA BENE: il pomodoro essiccato non ha una buona resa, infatti per autoprodurre un etto di pomodori secchi ne servirà un chilo fresco. A tal proposito vi consiglio di comprare 10 chilogrammi: otterrete una piccola scorta per i mesi più freddi!

Come fare pomodori secchi in casa, la procedura

  1. Lavate con molta cura i pomodori: se non provengono da agricoltura biologica vi consiglio di aggiungere anche un po’ di bicarbonato di sodio per essere sicuri di togliere tutte le impurità, è importante scongiurare la presenza di batteri
  2. Tagliate i pomodori per il senso della lunghezza poi disponeteli su dei teli di tulle che avete precedentemente posizionato al sole, disponendo sotto delle teglie in modo tale che l’acqua dei pomodori coli all’interno della teglia: al momento che mettete i pomodori sul telo assicuratevi che ci sia sole
  3. Per preservarli dall’arrivo di eventuali animaletti, coprite i pomodori con un altro strato tulle
  4. Fatto ciò, salateli uno ad uno con una quantità di sale leggermente superiore a quella che usereste per condire una normale insalata: il sale è importante perché aiuta l’essicazione ma non esagerate!
  5. Dopo circa sei ore di esposizione, i pomodori inizieranno a formare una sottile pellicina bianca: questo significa che il processo di essicazione sta avvenendo con successo!
  6. Trascorso il tempo, con una forchetta grattate delicatamente ogni singolo pomodoro togliendo il sottile strato: in questo modo l’acqua organica contenuta dei vegetali uscirà e aiuterà il processo di essiccamento.
  7. Fatto ciò, disponeteli all’interno dell’abitazione per poi ripetere l’operazione per almeno 6/ 7 giorni

Solitamente, dopo 6/7 giorni i pomodori saranno perfettamente asciutti e la loro polpa sarà rigida e aggrinzita: non resta che metterli nel barattolo per conservarli!

Come fare pomodori secchi in casa, consigli utili

  • Lasciate i pomodori al sole per circa sei-sette ore al giorno per un periodo variabile dai 5 ai 7 giorni, a seconda delle condizioni meteo
  • Metteteli nelle ore più calde e nei periodi dell’anno in cui il calore estivo è particolarmente forte (si consiglia tra l’inizio di luglio e la metà di agosto
  • La sera invece riponeteli in casa, lontano dall’umidità e dagli animaletti notturni e se al mattino, prima di esporli, vedete un cielo troppo nuvoloso, evitate di metterli fuori e aspettate il primo giorno di sole per rimetterli fuori
  • Se accidentalmente i pomodori dovessero risultare essiccati in modo eccessivo, trasformateli in una polvere o in fiocchi da usare per insaporire i vostri piatti.

Pomodori essiccati al forno

In alternativa al sole possiamo ricorrere al forno di casa, ecco come procedere:

  1. Preriscaldate il forno a 65°C: per poter essiccare i pomodori nel forno occorre una temperatura molto bassa. Se il forno prevede solo un livello minimo di calore superiore ai 65°, basterà lasciare lo sportello leggermente aperto
  2. Disponete i pomodori in una teglia facendo attenzione che non vengano a contatto l’uno con l’altro
  3. Di tanto in tanto capovolgeteli per permettere un’essiccazione uniforme: ricordte che la teglia non permetterà all’aria di circolare liberamente
  4. Cuocete i pomodori per diverse ore, circa 6-12, a fine cottura avranno assunto una consistenza dura e non più appiccicosa.

Come conservare pomodori secchi fatti in casa

  1. Prendete un barattolo alto e sul fondo adagiate uno strato dei pomodori appena fatti
  2. Ricopriteli con capperi e origano, poi coprite di nuovo con un’altra fila di pomodori, avendo cura di pressare bene il tutto in modo da far uscire l’aria tra gli strati di pomodori
  3. Ripetete l’operazione fino a raggiungere quasi l’orlo del barattolo
  4. A questo punto, versate dell’olio fino a coprire completamente l’ultimo strato di condimento.

Una volta essiccati, ben conditi e imbarattolati, i vostri pomodori si conserveranno nella credenza per oltre un anno.

I pomodori secchi possono essere conservati anche senza olio, le varianti sono tanti. Tutti i modi di conservazione dei pomodori secchi li trovati nell’articolo “Pomodori secchi, tutti i metodi di conservazione”

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI: 100 g di Pomodori secchi apportano circa 258 calorie (77,1% carboidrati, 13,3% proteine, 9,6% grassi).

Nessun commento.

Lascia un commento