Giappone, Cronache di una catastrofe nucleare

Il sesto giorno dopo il terremoto a Sendai, Giappone, il mondo teme una catastrofe nucleari. Le radioazioni potrebbero raggiungere anche l’Europa.

gli orari sono quelli italiani e gli aggiornamenti della giornata saranno inseriti nei commenti

Giovedì 17 Marzo, 08.05: L’Ambasciata italiana dice: “Lasciate Tokyo
L’ambasciata italiana a Tokyo ”rinnova vivamente l’invito ai connazionali di allontanarsi dalle quattro prefetture colpite dallo tsunami, dalle prefetture a nord della capitale e dalla stessa capitale’‘. Quanto all’ipotesi radiazioni, le misure ”del team italiano effettuate in ambasciata confermano il valore registrato ieri di 0.04 microsievert/ora”. Le misure spettroscopiche escludono al ”momento la presenza di isotopi radioattivi artificiali

Giovedì 17 Marzo, 7.06: Per il governo nipponico la priorità assoluta è la messa in sicurezza del reattore 3. Perché il reattore n.3 è quello più pericoloso? E’ stata registrata un aumento della pressione con conseguente fuoriuscita di vapore, il reattore n.3 è quello più pericoloso perché è alimentato con mox, una miscela combustibile a base di plutonio e uranio, particolarmente radioattiva.

Giovedì 17 Marzo, 5.39: i disperati tentativi di raffreddamento dei reattori della centrale sono supportati dagli americani. Sono arrivati a Fukushima delle pompe di raffreddamento di fabbricazione americana, a darne notizia è stato il ministro della difesa Toshimi Kitazawa.

Giovedì 17 Marzo, 5.13: Il premier nipponico Naoto Kan e il presidente americano Barack Obana hanno preso accordi per una stretta cooperazione. Il presidente statunitense ha rassicurato il premier che gli USA avrebbero collaborato col Giappone “in tutti i modi possibili” e ha promesso di inviare nel Paese del Sol Levante, altri esperti nucleari americani.

Giovedì 17 Marzo, 04.25: Gli elicotteri militari giapponesi hanno iniziato a sganciare acqua sul reattore n.3; si teme che proprio questo reattore della centrale di Fukushima possa aver rilasciato vapore radioattivo a causa di danni al contenitore del nocciolo.

Mercoledì 16 Marzo, 19:20: un cannone ad acqua è stato usato per tentare di raffreddare il reattore n.4. I tecnici della centrale nucleare di Fukushima sono sottoposti ad una profilassi estrema che, secondo Andrè-Claude Lacoste, presidente francese dell’Autorità della sicurezza nucleare (ASN), dovrebbe essere un compito affidato ad operatori volontari “In Francia, in casi estremi come questo, bisognerebbe fare appello agli operatori volontari“.

Secondo la ISRN, le conseguenze dell’incidente nucleare di Fukushima, saranno inferiori a quelle causate dai “test nucleari” effettuati negli anni cinquanta e sessanta.

Il vapore fuoriuscito dalla centrale di Fukushima, potrebbe portare conseguenze anche nei paesi occidentali, ad ammetterlo è stato Nathalie Koscisko-Morizet, ministro francese dell’Ecologia, siamo tutti in stato di emergenza: “Ci potrebbero essere conseguenze nell’emisfero settentrionale, è in gioco la Francia, ma –rassicura il ministro– nessun rischio per la salute“.

L’Unione Europea raccomanda di effettuare controlli di radioattività sui prodotti alimentari importati dal Giappone. La difficoltà delle autorità giapponesi è chiaramente quella di ottenere un rapido raffreddamento dei reattori della centrale, se l’operazione non andrà a buon fine l’impatto sarà maggiore della catastrofe di Chernobyl.

Mercoledì 16 Marzo, h 8.00: La TEPCO annuncia che continuano ad iniettare l’acqua di mare per il raffreddamento. La stessa procedura è attuata simultanemente per i reattori n.1, 2, e n3. Il cuore del reattore n.2 sembra essere sotto controllo mentre per quanto riguarda i reattori n.1 e n3, i cuori sembrano essere parzialmente fusi.

Due incendi si sono verificati al reattore numero 4, anche questo rischia il danneggiamento. La TEPECO attua un piano per limitare al minimo i danni.

Aggiornamenti precedenti:

Cronache del 15-14 MARZO
Cronache del 13-12-11 Marzo + EXTRA (video dell’esplosione e galleria fotografica)

4 Commenti to “Giappone, Cronache di una catastrofe nucleare”

  1. tetuso

    Apr 03. 2011

    # e così andammo tutti quanti insieme a vedere i funghi atomici in riva alla spiaggia mentre la forza d’urto ci scompigliava i capelli e le radiazioni ci abbronzavano alla grande. Che figo vivere negli anni ’10! E marilù sorridendo cresceva il suo tumore come fosse un bambino mentre a Bengasi aspettavamo Gheddafi per l’ultima battaglia e scrutando il cielo le raccontai la fiaba di chernobil e quella di godzilla le raccontai del mediterraneo e delle sue milleeuna rivoluzioni le ricordai dei tempi della scuola dei primi baci delle sommosse in grecia e le mi chiese notizie dei pescatori somali divenuti pirati e dei loro mari pieni di tesori tossici mi chiese delle petroliere d’assalto in guerra con mare e cielo ed io l’ascoltai rispondersi mentre il sol dell’avvenire si faceva finalmente più vicino solo che era pronto ad esploderci in faccia e per un attimo ricordai mio nonno morire in un campo di concentramento in libia per italiani in fuga verso l’arabia saudita mentre a Bengasi ancora aspettavamo Gheddafi per l’ultima battaglia e marilù sorridendo cresceva il suo tumore come fosse un bambino

    continua a leggere su: http://nucleareitalia.wordpress.com/diario-di-tetsuo/

    Rispondi a questo commento

Trackbacks/Pingbacks

  1. Disastro Fukushima: tutto quello che c’è da sapere sui rischi per la salute | Tecnologia e Ambiente - 17 marzo 2011

    […] che le radioazioni potrebbero giungere anche nell’emisfero settentrionale del globo, quindi colpire paesi come la Spagna, Francia e Italia. Foto da | […]

  2. Fukushima, al via la fase di ripristino | Tecnologia e Ambiente - 20 marzo 2011

    […] diretta. Ci rincuora sapere il supporto tecnico prestato dagli Stati Uniti d’America cit.: Cronache di una catastrofe Giovedì 17 Marzo, 5.39: i disperati tentativi di raffreddamento dei reattori della centrale sono […]

  3. Disastro Fukushima: tutto quello che c’è da sapere sui rischi per la salute « ma che bella geologia - 31 marzo 2011

    […] Questo perché? Lo tsunami è passato, il terremoto anche ma ora c’è il rischio contaminazioniradioattive. Delle perdite radiattive vi sono state anche in Niger ma il fatto di cronaca è finito in un oblio mediatico, certo i rischi sono imparagonabili: ci basterà pensare che il ministro dell’Ambiente francese, ha affermato che le radioazioni potrebbero giungere anche nell’emisfero settentrionale del globo, quindi colpire paesi come la Spagna, Francia e Italia. […]

Lascia un commento