Le doti dei mancini: ecco cosa sanno fare meglio dei destri

essere-mancini

I due più grandi geni dell’umanità: Albert Einstein e Leonardo da Vinci. Il più famoso condottiero del mondo antico: Giulio Cesare. Due giganti dell’arte: Michelangelo Buonarroti e Raffaello Sanzio. Tre dei massimi filosofi: Aristotele, Kant, Nietzsche. Due imperatori: Alessandro Magno e Napoleone Bonaparte. E via elencando con Picasso, Churchill, Beethoven, fino ai contemporanei Maradona, Paul McCartney, John F. Kennedy, Bill Clinton, Bill Gates… l’elenco dei mancini famosi, dall’antichità ad oggi, potrebbe riempire un intero volume.

Questi sono alcuni (famosi) dei milioni di mancini sparsi in giro per il mondo, i cosiddetti “speciali”: non si tratta di supereroi o gente con chissà quali doti, intendiamoci, però si dice da tempo che chi utilizza come mano primaria la sinistra abbia “qualcosa in più” rispetto agli amici o parenti destri.

Ecco le 10 “specialità” dei left handed

CREATIVITA’ DA SBALLO
Ebbene si, i mancini sono dei grandi creatori, questo fa presumere che Dio sia mancino. Questa dote è dovuta allo sviluppo maggiore dell’emisfero destro del cervello, responsabile appunto della creatività.

SPORTIVI NATI
In molti sport l’essere mancino disorienta l’avversario, come nel pugilato, nel tennis, nel calcio e principalmente in tutte le discipline in cui si è direttamente a contatto con l’avversario; inoltre hanno una percezione dello spazio notevolmente superiore ai destri.

MEMORIA DA ELEFANTE
Alcune ricerche confermano che i mancini godono di ottima memoria, dovuta anche ad un utilizzo più efficiente delle funzioni dei due emisferi.

PENSIERO
Nei mancini il ponte di fibre nervose che collega tra loro i 2 emisferi del cervello è più sviluppato dell’11% rispetto a quello dei destrimani: questa caratteristica migliora le abilità intellettive dei left handed.

RIFESSI DI LINCE
I mancini hanno una maggiore velocità di riflessi. Si tratta di un vantaggio minimo, solo di 15/20 millesimi di secondo, ma pur sempre un vantaggio.

UNA GIORNATA IN LORO ONORE
Il 13 agosto è la giornata internazionale dei mancini. E i destri non ce l’hanno, per quanto questa cosa possa essere inutile…

SOTTO LE COPERTE DA 10
La maggior emotività e la miglior percezione dello spazio sono abilmente sfruttate dai mancini anche durante l’attività sessuale, il che li rende ottimi amanti. Sceglietevi bene il partner dunque…

DISCORSI COINVOLGENTI
I mancini sono ottimi oratori: infatti una ricerca britannica (pubblicata sulla rivista Nature Neuroscience) ha dimostrato che nei mancini l’area del cervello impegnata durante un discorso è parecchio più vasta rispetto a quella dei destri e coinvolge entrambi gli emisferi.

MONEY, MONEY, MONEY!
Secondo un’indagine condotta dal National Bureau of Economic Research statunitense, da non prendere comunque troppo sul serio,i maschi usano la mano sinistra come primaria hanno una busta paga più ricca dei destrimani per il 15%.

Raccomandazioni utili, bambini mancini

La soluzione di forzare il bimbo tendenzialmente mancino a usare la mano destra è senz’altro da scartare, in quanto provoca insicurezza e senso d’inferiorità e, a volte, può essere causa di veri e propri disturbi, come la balbuzie. È bene invece incoraggiare l’uso di entrambe le mani fino a quando non si sarà stabilita una preferenza definitiva, il che avviene generalmente intorno ai tre anni.

In seguito, se la preferenza è per la mano sinistra, il bambino dovrà essere aiutato a superare le difficoltà che ne derivano. Per esempio, dovendogli insegnare alcuni gesti come allacciarsi le scarpe o i vestiti sarà opportuno fargli da modello stando di fronte a lui anziché al suo fianco.

Nessun commento.

Lascia un commento