Lezioni di vita che ci insegnano i giocatori di poker

A volte nella vita le lezioni più importanti vengono da chi meno lo si aspetta. È solo necessario restare attenti e aperti all’esperienza. Infatti, nessuno è così povero da non avere niente da dare o abbastanza ricco da non avere bisogno di ricevere nulla.

In questo senso, i giocatori di poker possono essere una fonte inaspettata d’ispirazione per il nostro sviluppo personale dal momento che molte delle strategie utilizzate sul tavolo di gioco possono essere applicato anche alla vita quotidiana. Infatti, psicologia e poker sono sempre andati di pari passo.

Il successo è una questione di equilibrio

I ricercatori della Cornell University si sono dati il compito di raccogliere e analizzare i dati provenienti da 27 milioni di mani di poker. Hanno così scoperto che nella misura in cui i giocatori aumentavano le scommesse tendevano a sviluppare uno stile di gioco più aggressivo. Ma hanno anche trovato un modello: i giocatori che vincevano di più erano quelli che sapevano mantenere un equilibrio tra passività e aggressività. Né i giocatori troppo aggressivi e tantomeno quelli che adottavano uno stile passivo, riuscivano a vincere grandi somme.

Questo ci mostra che la chiave nel gioco, così come nella vita, sta nell’equilibrio. Infatti, numerosi studi hanno rivelato che sia lo stile aggressivo che quello passivo sono relazionati allo sviluppo di diverse patologie. L’ostilità, per esempio, è stata vincolata con un aumento del rischio di soffrire di ictus e attacchi di cuore, mentre la passività è stata collegata alla comparsa di malattie come l’ulcera peptica ei problemi alla pelle.

Pertanto, dobbiamo imparare che ci sono momenti in cui dobbiamo mantenerci fermi e difendere i nostri diritti e altri momenti in cui la cosa più saggia da fare è ignorare e andare avanti. La chiave per il nostro benessere dipende in gran parte da questo equilibrio.

Devi scegliere quali battaglie combattere

I buoni giocatori di poker sanno quando vale la pena di alzare la posta e andare fino in fondo in una mano e quando è il momento di lasciare. Per prendere questa decisione non si basano solo sulla logica, ma anche sull’intuizione e l’esperienza.

Anche nella vita è essenziale sapere quando si deve perseverare e quando è arrivato il momento in cui è più saggio abbandonare il gioco, perché, altrimenti, si perderà troppo. Infatti, spesso nella nostra vita quotidiana siamo immersi in piccole battaglie che non ci apportano alcun vantaggio ma ci lascieranno esausti. Al contrario, quando scegliamo saggiamente le battaglie che desideriamo combattere, concentriamo le nostre risorse e otteniamo risultati migliori con minore sforzo.

È anche importante non cadere nell’errore di continuare a lavorare su qualcosa solo perché abbiamo investito tempo e sforzo in questa, ignorando i segnali che indicano che siamo sulla strada sbagliata. Non dobbiamo rinunciare troppo presto o insistere troppo a lungo.

Se ti dimentichi delle persone non andrai molto lontano

C’è chi pensa che il poker si riduca alle probabilità. Si sbaglia. Nel poker il giocatore si trova di fronte ad altre persone e se lo dimentica è finito. A differenza del blackjack, nel poker si può vincere o perdere fortune a causa dell’elemento umano. Un giocatore esperto, anche se ha delle buone carte e le probabilità a suo favore, non può ignorare i suoi avversari. Infatti, se agisce troppo sicuro di sé e gli altri lo notano, abbandoneranno rapidamente il gioco. Phil Hellmuth non poteva riassumerlo meglio: “Alcune persone pensano che il poker sia un gioco di carte, ma in realtà è un gioco di persone che si gioca con le carte”.

A questo proposito, uno studio condotto presso la Harvard University ha scoperto che i giocatori di poker sono in grado di catturare rapidamente le espressioni facciali dei loro avversari e utilizzare queste informazioni per prendere le loro decisioni. Infatti, queste informazioni vengono elaborate in soli 10 millesimi di secondo, con l’aiuto dell’amigdala, una regione del cervello associata alle emozioni che ci aiuta a decidere rapidamente.

Nella vita, come nel poker, la capacità di connettersi con le persone è essenziale. In realtà, è uno dei pilastri dell’intelligenza emotiva e del successo. Pertanto, è importante non trascurare le persone che abbiamo accanto, alimentare quelle relazioni e sviluppare la nostra fibra più sensibile. Un atteggiamento troppo egocentrico non ci porterà lontano.

Per vincere, bisogna saper perdere

Nel poker a volte si vince a volte si perde. Un buon giocatore lo sa e sviluppa una tolleranza alla frustrazione, impara a gestire il fallimento perché capisce che ogni mano che perde è un’opportunità per imparare. Si chiede, dove ho fallito? Come avrei potuto fare meglio? I giocatori sono consapevoli che possono imparare giocando. Infatti, il giocatore Mike Sexton disse: “Per imparare a giocare a poker e abbastanza un minuto, per controllare gli aspetti del gioco, tutta una vita”.

Sviluppare la tolleranza alla frustrazione e imparare a gestire il fallimento sono fondamentali anche nella vita. Infatti, se passiamo troppo tempo concentrandoci sul problema, non avremo tempo per trovare una soluzione. Al contrario, se assumiamo gli errori come opportunità per imparare, non solo potremo crescere, ma saremo anche in grado di vivere con meno stress.

Non farne una questione personale

Alcuni scienziati finlandesi chiesero a diversi giocatori di poker on-line di stimare le loro probabilità di vincita in diversi scenari e di prendere le loro decisioni di gioco. In questo modo hanno visto che i giocatori più esperti ottenevano risultati migliori. Perché?

Semplicemente perché avevano sviluppato un pensiero più veloce che permetteva loro di prendere decisioni migliori, mentre i giocatori inesperti perdevano tempo nella ruminazione. In pratica, i giocatori neofiti continuavano a pensare incessantemente a tutto quello che poteva andare storto e alle conseguenze, mentre i giocatori esperti assumevano una distanza emotiva che permetteva loro di prendere decisioni migliori. William J. Florence sintetizzò questo modo di pensare e di agire: “Il punto chiave nel poker è non perdere mai la testa. Se la perdi, sicuramente perderai anche tutte le tue fiches”.

Anche nella vita è importante imparare a prendere una distanza emotiva dai problemi, così saremo in grado di prendere decisioni migliori e, soprattutto, agire più in fretta, prima che sia troppo tardi. In realtà, la distanza emotiva che adottano i giocatori di poker è una lezione di vita molto antica che ha le sue radici nel Taoismo: il distacco.

Fonti:
Laakasuo, M. et. Al. (2014) Emotional and Social Factors Influence Poker Decision Making Accuracy. J Gambl Stud; 31(3): 933-947.
Palomaki, J. et. Al. (2013) “Don’t Worry, It’s Just Poker!’’- Experience, Self-Rumination and Self-Reflection as Determinants of Decision-Making in On-Line Poker.J Gambl Stud; 29(3):491–505.
Siler, K. (2010) Social and Psychological Challenges of Poker. J Gambl Stud; 26(3): 401–420.
Schlicht, E., et. Al. (2010) Human Wagering Behavior Depends on Opponents’ Faces. PLoS ONE; 5 (7): e11663.

Nessun commento.

Lascia un commento