I mariti stressano le mogli più dei figli

Ogni coppia è diversa, ogni famiglia anche. In una famiglia ideale, gli adulti dovrebbero sostenersi a vicenda e contribuire equamente all’educazione dei figli. Tuttavia, sappiamo che in molti casi tra dire e fare c’è di mezzo il mare e, purtroppo, in molte case è ancora la donna che deve sopportare il fardello dei lavori domestici e l’educazione dei figli.

Pertanto, non è così strano che un sondaggio condotto negli Stati Uniti con più di 7.000 madri ha rivelato che i mariti generano 10 volte più stress rispetto ai bambini. Il 46% delle donne intervistate ha dichiarato che i loro partner contribuivano più dei loro figli all’aumento dello stress.

Le aspettative disattese delle madri

Alcune delle donne intervistate hanno persino sostenuto che i loro mariti le facevano “lavorare” più dei loro figli. Altre hanno osservato che i bambini non gli causavano molti mal di testa, ma gli atteggiamenti infantili dei loro partner le infastidivano molto.

Inoltre, alcune hanno lamentato anche il fatto che il partner non le aiutava abbastanza con i lavori domestici, e perciò no le restava molto tempo libero. Ci fu anche chi ha sottolineato che il matrimonio stesso è stressante, a causa dello sforzo che richiede ogni giorno.

Certamente non tutti hanno la fortuna di avere un partner comprensivo disposto a condividere le faccende domestiche e l’educazione dei bambini. Ma è probabile che in questi risultati influiscano anche le aspettative. Ad esempio, ci aspettiamo che un bambino faccia un capriccio e ci prepariamo per affrontarlo, ma non ci aspettiamo che un adulto si comporti come un bambino. Non possiamo aspettarci che un bambino capisca certe cose, ma ci aspettiamo comprensione da parte del nostro partner.

Quando la persona, che può essere tanto l’uomo come la donna, non soddisfa queste aspettative, non solo ci sentiamo delusi, ma anche defraudati. Questi sentimenti negativi si aggiungono allo stress quotidiano e possono finire per essere la goccia che fa traboccare il vaso.

I padri sono convinti di fare abbastanza e pretendono un maggiore riconoscimento

È interessante notare che, in un altro sondaggio condotto dagli stessi ricercatori con 1.500 padri, la metà di loro hanno riconosciuto che condividevano la cura dei figli con il partner. Ma la cosa strana fu che delle 2.700 mamme intervistate, il 75% ha detto che facevano tutto loro.

Molti padri hanno anche confessato di sentirsi feriti perché pensavano di avere un ruolo secondario nella famiglia. Due terzi dei padri ha anche detto che vorrebbero vedere riconosciuto il loro sforzo di tanto in tanto, almeno con parole d’incoraggiamento.

Questo studio rivela che c’è un problema di comunicazione e aspettative in molte case. Alcuni padri credono di fare abbastanza e non gli venga riconosciuto, mentre le madri pensano che non sia così.

Di chi è la “colpa”?

Lasciando da parte i casi in cui uno dei genitori non si applica abbastanza all’educazione dei figli, il fatto è che essere genitori è stressante e spesso è più facile dare la responsabilità del nostro cattivo umore o della nostra incapacità di gestire la quotidianità all’altro adulto.

Mantenere un rapporto di coppia richiede anche una buona dose d’impegno e spesso le donne chiedono troppo a sè stesse, pretendendo di essere madri, compagne, figlie e amiche perfette. Questa tensione per soddisfare tutti termina distruggendole.

Tuttavia, è importante trovare la causa di questa insoddisfazione perché, alla fine, terminerà influenzando il rapporto di coppia. Infatti, diversi studi hanno scoperto che un matrimonio stressante, dove ci sono conflitti costanti, è dannoso per la salute del cuore quanto il fumo e aumenta le probabilità di soffrire di malattie cardiovascolari negli uomini come nelle donne. Un sondaggio condotto recentemente con 300 donne svedesi ha scoperto che il rischio di soffrire di un attacco di cuore si moltiplica per tre quando il loro matrimonio è conflittivo.

Qual è la soluzione?

Nove coppie su dieci riconoscono che il loro rapporto si è deteriorato in seguito alla nascita del primo figlio. In ogni caso, per evitare che uno dei due membri si sovraccarichi di compiti e termini troppo stressato, è importante che la comunicazione fluisca in ogni momento e in entrambe le direzioni. Quindi, se sei un papà o una mamma:

– Chiedi al tuo partner ciò che ti serve, quando ti serve. Non far finta che lui/lei legga la tua mente.

– Non cercare di fare tutto, non devi farlo e non devi dimostrare niente a nessuno. Accontentati di dare amore ai tuoi figli ogni giorno.

– Parla con il tuo partner delle tue paure, insicurezze e insoddisfazioni. Questo vi avvicinerà.

– Metti in chiaro cosa ti aspetti dal tuo partner, senza recriminazioni.

Nessun commento.

Lascia un commento