Orto invernale in serra

Orto invernale in serra

Se la parola serra vi richiama grandi tunnel su terreni estesi, sappiate che forse avete una visione abbastanza ristretta di questo argomento: potete infatti creare una serra anche nel vostro giardino e perfino nel vostro balcone!

Ma come fare? In che modo potete realizzare un vero e proprio orto invernale in serra pur non disponendo di grandi appezzamenti di terreno? Come curare l’orto in inverno?

Continuate a leggere: scoprirete, passo dopo passo, come poter far affrontare a ortaggi e verdure la stagione più fredda senza alcun patema d’animo, e riuscire così ad avere sulle vostre tavole dei prodotti naturali, coltivati con amore all’interno di strutture che potrete comodamente produrre senza uscire di casa e con pochi metri a disposizione.

Serra in bottiglia

Se non avete proprio dello spazio utile per poter coltivare sul terreno, potete realizzare il vostro orto invernale in serra anche attraverso l’utilizzo di qualche semplice bottiglia di plastica da un litro, che potete comunemente reperire in qualsiasi supermercato (se proprio non volete uscire dal vostro appartamento, siamo certi che avrete a disposizione qualche vecchia bottiglia in dispensa!).

Tutto l’occorrente che vi serve consiste in due bottiglie di grandezze leggermente diverse (una deve esserlo più dell’altra, ma senza esagerare). Procedete dunque con il tagliare la parte superiore dalla bottiglia più sottile, oltre il punto dove inizia a curvare per poter formare la sezione del “collo”.

Quindi, prendete della colla a caldo e utilizzatela per poter fissare l’apertura della parte superiore della bottiglia appena tagliata, alla parte inferiore del resto della bottiglia: così facendo riuscirete a formare un vasetto che potete utilizzare come base per la vostra mini serra. Fate quindi il coperchio della serra tagliando la parte superiore (quella che sporge fuori dalla bottiglia più ampia): diventerà un coperchio per la bottiglia più sottile.

A questo punto avrete ottenuto una comoda mini serra di plastica che potrà essere utile per poter seminare le vostre piantine, purché – ovviamente – abbiano radici poco profonde.

Se poi volete effettuare qualche coltivazione di dimensioni più ampie, o temete che le vostre piantine possano essere “soffocate” da una costruzione così piccola, non vi resta che prendere delle bottiglie più grandi: in commercio ne esistono di varie tipologie, e non avrete certamente difficoltà nell’individuare quelle della grandezza più utile, da 2 litri, 5 litri o più!

Se invece, di contro, avete necessità di coltivare piante molto piccole, potete semplicemente utilizzare un barattolo con coperchio, che vi consentirà di realizzare un piccolo terrario. Anche i barattoli sono ovviamente disponibili in varie dimensioni, e dovrete essere sufficientemente abili nello scegliere quelli che possono meglio soddisfare le vostre ambizioni!

Insomma, cercate di ponderare la dimensione della bottiglia o del barattolo a ciò che realmente vi occorre, senza esagerare e – soprattutto – senza eccedere in ristrettezze.

Costruire delle mini serre domestiche

Se volete avere un impianto più strutturato e meno rudimentale dei barattoli o delle bottiglie di plastica, e siete sufficientemente abili con il bricolage, potete cercare di realizzare una bella mini serra domestica in legno o con tubi in PVC.

Tra le due materie prime, il PVC si presta probabilmente ad essere maggiormente adatto anche ai neofiti della materia, visto e considerato che sarà sufficiente acquistare tubi e giunti in PVC delle “corrette” dimensioni, connettendo poi i tubi da parete e del tetto, e procedendo poi a coprire il tutto con la plastica o la stoffa, a seconda delle vostre preferenze e necessità.

Ricordate in tal proposito che se utilizzate fogli di plastica, il materiale dovrà essere abbastanza sottile e leggero, e in grado di coprire l’intera struttura con un unico grande foglio, ove possibile. Al di là del materiale utilizzato, procedete poi nel coprire tutta la struttura e fissarla solidamente con del nastro adesivo, lasciando poi le aperture dove occorrono.

Tenete altresì a mente che per la serra con i tubi in PVC, che abbiamo brevemente introdotto nelle righe che precedono, possono essere in realtà utilizzati anche materiali diversi dalla plastica come copertura delle piante. Potete in merito modificare la copertura a seconda delle stagioni, ricordando che per l’estate più calda potrebbe essere opportuno rimuovere la plastica e limitarsi a un tessuto leggero che possa fare ombra, ma senza soffocare le piantine.

Orto invernale in serra

Comprare una serra per il vostro orto invernale

Infine, vi ricordiamo che se non avete tempo a sufficienza da dedicare alla costruzione dell’orto invernale in serra attraverso bottiglie e strutture fai-da-te, potete ricorrere alla più comoda opportunità di acquistare una mini-serra già pronta nei vivai o nei centri specializzati (ma le trovate a buon mercato anche nei negozi di bricolage).

La gamma di struttura che potete reperire è piuttosto ampia e diversificata: si va dalle mini-serre da balcone a quelle più ampie per un giardino o per un orto in campo.

Insomma, dovete essere abbastanza bravi nel valutare le vostre esigenze, capire che cosa potete piantare nei prossimi periodi (ad esempio, cosa piantare a gennaio) e, di conseguenza, dal trovare in commercio la serra dalle dimensioni più adatte per poter essere posizionata sul vostro balcone, sul vostro terrazzo o sul vostro giardino.

Abbiatene poi una costante cura (qui potete ad esempio trovare una mini guida per contrastare i parassiti degli agrumi): anche se la copertura vi darà una grossa mano evitando alle piantine di andare incontro alle intemperie della stagione, è anche vero che ciò non dovrà deresponsabilizzarvi dal riporre la giusta attenzione quotidiana nella loro crescita!

 

 

Nessun commento.

Lascia un commento