Quale tipo di latte bere: info e valori nutrizionali

quale latte scegliere

Non tutto il latte è uguale. L’approccio alimentare al latte sta cambiando: in commercio troviamo latte di soia, latte di riso, latte vaccino, latte per intolleranti al lattosio… Quale latte è il miglior alleato del nostro organismo e quindi, quale tipo di latte bere?

Il latte vaccino è ricco di vitamine A, C, D e calcio, tuttavia c’è da dire che è anche carico di grassi saturi e colesterolo che possono vanificare gli effetti benefici dei micronutrienti in esso contenuti. Un alternativa al latte vaccino può essere il latte di soia? Questo latte vegetale è privo di colesterolo ed è appositamente arricchito con vitamine. Tuttavia, è necessario dire che ogni tipo di latte presenta vantaggi e svantaggi.

Stando alla dietista del Massachussetts General Hospital di Boston, la dottoressa Deborah Krivitsky, la gente sceglie il tipo di latte da bere in base alla tollerabilità personale (allergia alle proteine del latte, eventuali intolleranze…), al gusto e alle credenze circa gli eventuali effetti benefici.

Quale tipo di latte scegliere?

Ecco diversi tipi di latte, mettiamo a confronto valori nutrizionali, proprietà ed effetti sulla salute: effetti benefici e controindicazioni.

  • Il latte vaccino

Una tazza di latte vaccino contiene, in media, circa 146 calorie, 5 g di grassi saturi, 24 milligrammi di colesterolo. E’ una straordinaria fonte di proteine e micronutrienti, contiene diverse vitamine del gruppo E e fornisce un terzo dell’assunzione giornaliera raccomandata di calcio.

Uno studio pubblicato nel dicembre 2013 sulla rivista Silla PLoS ONE, ha evidenziato che il latte biologico è una buona fonte di omega-3, gli stessi acidi grassi sono carenti nel latte vaccino prodotto con l’allevamento non biologico. Inoltre, il latte vaccino contiene potassio che può prevenire l’ipertensione arteriosa (se soffrite di pressione alta, date un’occhiata a: come curare l’ipertensione arteriosa).

Quando si tratta della salute del cuore, tutti i prodotti lattiero-caseari (latte compreso!) devono essere consumati con prudenza. John Day MD, cardiologo e direttore del Heart Rhythm Service di Salt Lake City (Utah), afferma che i grassi saturi presenti nel latte aumentano i livelli di colesterolo cattivo nel sangue incrementando il rischio di malattie cardiache e ictus. In effetti, la maggior parte dei medici (e anche l’American Heart Association) consiglia di consumare solo latte parzialmente scremato, una tazza, infatti, contiene solo 5 mg di colesterolo contro i 24 mg del latte intero.

Conclusione? Latte vaccino sì ma con moderazione e solo se parzialmente scremato. Il latte vaccino intero fa male alla salute. Altri articoli sull’argomento:

La verità sul latte: perché fa male (articolo provocatorio)
Latte, proprietà: fa male o bene alla salute?

  • Latte di soia

Una tazza di latte di soia apporta 80 calorie con solo 4 grammi di grassi. Il latte di soia è una valida alternativa per chi soffre di intolleranza al lattosio. Il latte di soia è privo di colesterolo, apporta solo 7 grammi di proteine per porzione. Il latte di soia è un buon alleato per chi soffre di problemi cardiaci, tuttavia è importante leggere l’etichetta per sapere assicurarsi che non vi siano zuccheri aggiunti e che si tratta di latte di soia arricchito di calcio.

  • Latte di Mandola

E’ dolce e gustoso ma è davvero difficile da trovare in commercio del vero latte di mandola. Una tazza di latte di mandorla non zuccherata contiene tra le 30 e 40 calorie, è priva di  grassi insaturi e di colesterolo. In commercio si trova latte di mandorla arricchito con vitamina D (si riscontra la medesima quantità di vitamina D contenuta nel latte vaccino scremato) e con calcio (il 50% di calcio in più rispetto al latte vaccino scremato). Il latte di mandorla contiene anche acidi grassi omega-3, perfetti per abbassare i livelli di colesterolo cattivo e migliorare la funzioni cerebrali. Purtroppo in commercio non è affatto facile trovare latte di mandorle senza zucchero.

Latte vegetale fatto in casa: come fare in casa latte di soia, di riso o di mandorla

  • Latte di Canapa

Il latte di canapa è un’alternativa di recente introduzione. Questo latte proviene dai semi della canapa (cannabis) ma non contiene il THC, principio psicoattivo della marijuana. Il latte di canapa è una buona alternativa per chi soffre di intolleranza al lattosio o allergia alla soia. Una tazza di latte di canapa apporta 80 calorie, 0,5 grassi ed è poverissimo di colesterolo. Il sapore del latte di canapa, così come la sua consistenza, sono simili al latte di mandorla. Il latte di canapa è ricco di acidi grassi omega-3, è una buona fonte di calcio e magnesio, micronutrienti essenziali per la salute del cuore.

latte di cocco

  • Latte di cocco

Il latte di cocco è davvero buono macchiato con il caffè (lo avete mai provato?!), inoltre, una tazza di latte di cocco al naturale contiene solo 45 calorie, 4 grammi di grassi saturi a catena media. Le statistiche riferiscono un’evidenza: le popolazioni che consumano grandi quantità di cocco e latte di cocco sono quelle che soffrono più raramente di problemi cardiaci. Per ora, però, non vi sono abbastanza ricerche ed evidenze scientifiche a sostegno degli effetti benefici del latte di cocco sulla salute ma stando agli esperti le noci di cocco e il loro latte sono una scelta benefica per il cuore.

Oltre al latte di cocco, potrebbe essere interessante introdurre nella dieta quotidiana anche della sana acqua di cocco.

  • Latte di riso

Una tazza di latte si riso contiene ben 90 calorie ma non apporta ne’ grassi saturi, ne’ colesterolo. Il contenuto calorico è strettamente correlato ai carboidrati, così il latte di riso non sembrerebbe essere una scelta saggia: un’alimentazione ricca di carboidrati è correlata al diabete e a un alto rischio di malattie cardiache. Il latte di riso, inoltre, apporta solo una timida quantità di proteine. Chi consuma latte di riso per colazione dovrebbe fare attenzione a limitare l’intake di carboidrati durante gli altri pasti e a compensare con proteine.

  • Latte di cammello

Si sta timidamente diffondendo, anche in Europa, la mania di bere latte di cammello. Anche se “fa strano solo a sentirlo“, il latte di cammello sembra essere molto interessante da un punto di vista nutrizionale. Una tazza di latte di cammello contiene 107 calorie, 3 grammi di grassi saturi e 17 grammi di colesterolo.

latte di cammello

 

E’ ricchissimo di vitamine e sali minerali. Stando a una ricerca pubblicata su Comprehnsive Reviews in Food Science and Food Safety, il latte di cammello apporta 10 volte più ferro e 3 volte più vitamina C del latte di mucca. Altri studi affermano che il latte di cammello potrebbe essere utile per chi soffre di diabete perché contiene insulina.

Uno studio pubblicato a gennaio 2015 sul Journal of Endocrinology and Metabolism, ha evidenziato che bere il latte di cammello in sostituzione al latte vaccino fa aumentare i livelli di insulina nei pazienti con diabete di tipo 2. Questo tipo di latte è ancora difficile da reperire in Europa e anche costoso, tuttavia, bisognerebbe stare attenti alla provenienza e assicurarsi di bere latte pastorizzato.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Tecnologia-Ambiente.it e sul mio account personale.

Nessun commento.

Lascia un commento