Abbandonata in un bosco con le zampe tagliate: la nuova vita di Monika

monika cagnolina abbandonata boscoIl destino di Monika era praticamente segnato: qualcuno, un mostro, le ha tranciato tutte e quattro le zampe e l’ha abbandonata in un bosco nei pressi di Krasnodar, in Russia.

Abbandonata in un bosco, viene salvata in extremis

Sarebbe morta dissanguata o di ipotermia se non fosse stato per un gruppo di volontari che l’hanno trovata un po’ per caso in quel luogo isolato. Dopo aver sentito il flebile lamento dell’animale, i volontari hanno immediatamente avvertito i soccorsi.

Stabilizzarla non è stato affatto semplice, ma Monika non aveva nessuna intenzione di arrendersi. Grazie alla generosità di tantissime persone, la piccola è stata sottoposta a un’operazione per l’applicazione di quattro protesi in titanio per permetterle di tornare a camminare. Si trattava di un’operazione costosa e complessa, interamente pagata da una campagna di crowdfunding. Sono passate oltre due settimane dalla procedura e la piccola Monika non si è ancora ripresa del tutto. Tuttavia ha finalmente dei motivi per cui sorridere: oltre ad aver trovato delle persone che non permetteranno più che subisca maltrattamenti e sevizie, ora può tornare a stare in piedi.

Sergei Gorshkov, il veterinario che ha permesso alla cagnolina di tornare a camminare, ha ammesso che la piccola è stata molto fortunata. Le complicazioni in questo tipo di interventi sono sempre dietro l’angolo. Il medico tuttavia ha una buona esperienza in questo tipo di procedure. Negli ultimi anni ha applicato protesi artificiali a più di 30 animali, anche se questo era il primo trapianto quadruplo sullo stesso cane.

L’operazione che ha permesso a Monika di tornare a camminare

Monika ha dovuto affrontare un lungo viaggio per ricevere le migliori cure. Ben 4000 chilometri dal luogo in cui è stata trovata, a Krasnodar, alla clinica di Gorshkov.

“Nessuno sa davvero cosa le sia successo. Alcuni volontari pensano che qualcuno le abbia tagliato le zampe per crudeltà ed è difficile pensare a un incidente che abbia potuto causarle queste ferite.”, ha detto Gorshkov all’AFP.

Solitamente i cani messi così male vengono abbattuti o semplicemente abbandonati al loro destino. Per sua fortuna, Monika è stata aiutata da una volontaria davvero caparbia, Alla Leonkina. La ragazza ha fatto numerose pressioni affinchè Monika venisse curata. Dopo aver sentito parlare della clinica di Gorshkov, la giovane deciso di lanciare una campagna online per finanziare l’intervento.

Nel giro di un mese, è riuscita a raccogliere oltre 400.000 rubli (circa 4.800 euro). La somma necessaria per trasportare Monika in Siberia in aereo e a pagare l’intervento. Le zampe prostetiche in titanio che hanno permesso a Monika di tornare a camminare sono molto costose, ma hanno fatto il loro dovere.

“Le ossa di Monika cresceranno e si adatteranno agli arti artificiali, un po’ come le corna di un cervo. Potrà avere una vita abbastanza normale” ha spiegato il veterinario.

Lascia un commento