Come leggere la bolletta Enel

come leggere la bolletta enel

La bolletta Enel arriva ogni due mesi ma si può consultare online in ogni momento. Proviamo a capire come leggere la bolletta Enel e a rispondere alle classiche domande tipo: come calcolare il costo per kWoppure, cosa fare se la bolletta non è arrivata, in quali orari la corrente costa meno...  Veniamo subito al sodo, vediamo come leggere la bolletta Enel Energia e come risparmiare sull’elettricità. 

Ecco tutti i trucchi per capire quali sono i reali costi associati ai consumi di elettricità e quali gli oneri di trasporto, fornitura e tasse!

Sommario:

Come leggere la bolletta Enel

La prima parte della bolletta Enel è quella che vedi in alto. Nella prima parte della bolletta Enel troverai:

  • Dati fornitura
  • Informazioni sul cliente
  • Totale da pagare

I dati sulla fornitura sono quelli che fanno riferimento al tipo di contratto che hai stipulato. Sono riportati dati tecnici sulla fornitura elettrica. In genere la fornitura domestica è da 3,3 kW ma non mancano contratti a 4,5 kW o 7 kW. Alla voce “Denominazione contratto” puoi leggere il nome del tuo contratto e usarlo per cercare info online.

Il numero cliente e il codice POD sono identificativi della tua utenza. Il codice POD è quello che individua con precisione il punto geografico del territorio in cui viene prelevata l’energia elettrica. Il numero cliente o numero utenza, può servirti per richiedere assistenza Enel.

Ecco il primo consiglio: mai dare questi codici a chi ti telefona per offrirti nuove tariffe. Molte truffe, sfruttano questi due dati per cambiarti gestore energetico a tua insaputa. Purtroppo è capitato anche a mia madre! L’operatrice le chiese di fornirle il numero cliente per scoprire se “rientrava in un’offerta” e dopo un mese si ritrovò a dover pagare un nuovo gestore, quindi attenzione!

Sempre in questa prima parte, è indicato il periodo di riferimento. Il totale da pagare fa riferimento ai due mesi antecedenti al recapito della bolletta Enel Energia.

Come leggere i costi riportati in bolletta Enel

La seconda parte della bolletta Enel è sicuramente quella che dovrebbe chiarirti di più le idee: ti svela dettagli sui costi applicati. In questa parte della pagina ti trovi a dover interpretare un grafico a torta con delle didascalie accanto. Per facilità di lettura, ti propongo di leggere la bolletta Enel che mi è appena arrivata.

come leggere la bolletta enel energia

Il costo da pagare è composto da una quota fissa e uno quota legata ai tuoi consumi elettrici. La quota legata ai tuoi consumi può differire in base alle fasce orarie enel e alle tariffe applicate.

Nel grafico a torta, la zona rigata e indicata in leggenda con la lettera (A) Spesa per l’energia, rappresenta le spesa legata ai consumi elettrici che nel mio caso rappresenta il 50% del totale da pagare. Come è chiaro, dei miei 340,90 € da pagare, solo 168,63 € sono la reale spesa legata ai consumi elettrici. E il restante?

Alla lettera (B) sono indicate le imposte allo stato, nel mio caso ammontano a 62,99 €. Nel grafico a torta sono indicate con il colore grigio scuro.

Vi sono poi i costi legati alla gestione. Quando paghi la corrente elettrica, infatti, non paghi semplicemente i kW che consumi ma anche una sorta di “canone” dovuto all’uso delle infrastrutture: le centraline e i cavi della corrente che portano l’elettricità fino a casa tua (spese per il trasporto e spesa per oneri di sistema).

Che significa?
Queste due voci sono calcolate in proporzione ai tuoi consumi. Anche in questo caso, le spese sono composte da una piccola componente fissa e una proporzionale alla quantità di energia che hai consumato.

Fasce orarie Enel: come leggerle

Fino fin, spiegarti come leggere la bolletta Enel non è stato affatto difficile. Le cose, però, si complicano adesso, introducendo il concetto delle fasce orarie Enel e tariffe.

Il totale dei consumi da pagare, lo hai accumulato sfruttando l’energia elettrica in diversi momenti della giornata. Le fasce orarie Enel non sono altro che periodi di tempo ai quali corrispondono diversi prezzi dell’energia. Le fasce orarie sono suddivise in:

  • Fascia F1: da lunedì a venerdì, dalle 8.00 alle 19.00, escluse le festività nazionali.
  • F2: da lunedì a venerdì, dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00, escluse le festività nazionali; sabato, dalle 7.00 alle 23.00, escluse le festività nazionali.
  • Fascia F3: da lunedì a sabato, dalle 00.00 alle 7.00 e dalle 23.00 alle 24.00; domenica e festivi, tutte le ore della giornata.

fasce orarie enel

Per i clienti domestici serviti dal mercato di “maggior tutela“, i consumi sono distinti in fascia F1 (resta invariata) e fascia F23, che comprende tutte le ore incluse nelle fasce F2 e F3 (cioè dalle 19.00 alle 8.00 di tutti i giorni feriali, tutti i sabati, domeniche e giorni festivi).

Come calcolare il costo in kW dell’elettricità

Il calcolo costo kW è semplice. Preso atto che quando paghi la bolletta della luce non ti limiti a pagare solo i costi legati all’elettricità, quando parli con un operatore telefonico non dovresti chiedere quanto costa un kW di energia con Enel. Piuttosto dovresti parlare di costo lordo. Questo è difficile da stimare perché ci sono molte variabili, in primis le fasce orarie.

Se hai una bolletta Enel puoi farti un’idea chiara di quanto costa un kW di energia. In che modo? Dividendo il “totale da pagare” per i kw consumati.

Esempio calcolo costo per kw

Sempre prendendo come esempio la mia bolletta della luce, vedo che il totale da pagare è 340,90 €, ai quali bisogna sottrarre 9,90 € di canone RAI. Quindi la mia bolletta Enel vede un totale di 331,90 €, prezzo inserito al centro del grafico a torta proposta in precedenza. Il kw che ho consumato sono riportati nella zona delle fasce orarie sotto la voce “Consumo fatturato” che nel mio caso ammonta a 1446 kw.

Il costo per kW dell’elettricità si ottiene dividendo 331,90€/1446kW. Il prezzo per kW, nel mio caso, ammonta a 0,23 €. Ovviamente se i miei consumi elettrici si fossero concentrati nella fascia F3 (nelle ore notturne) il prezzo per kW sarebbe più basso.

Canone Rai in bolletta enel

E’ ormai dal 2016 che il canone Rai si paga in bolletta. Se non hai una televisione puoi ottenere l’esenzione dal pagamento del canone RAI in bolletta presentando una dichiarazione alla Direzione Provinciale I di Torino dell’Agenzia delle Entrate. 
La modulistica e le istruzioni per la compilazione sono disponibili nel sito dell’Agenzia delle Entrate, alla pagina dedicata a “Modelli e Istruzioni – Canone TV”.

canone rai in bolletta

Il canone rai Enel è segnalato in ogni bolletta. In genere la rata è di 9,90 € ed è applicata nella bolletta Enel per un periodo di tempo variabile, da gennaio a ottobre. Dipende dal costo del canone stabilito per quell’anno.

La voce del canone RAI in bolletta è riportata tra i dettagli dei costi della prima pagina.

Bolletta Enel online

Non ho ricevuto la bolletta Enel, come pago?“. Per sopperire a questa domanda è possibile registrarsi all’Area Clienti ENEL per attivare la bolletta Enel online. Puoi anche scegliere di ricevere la bolletta solo tramite posta elettronica così da risparmiare i costi di spedizione. Una volta che ti sei registrato all’Area clienti, puoi usare i tuoi dati di accesso per consultare la bolletta Enel online o dallo smartphone.

Link utili per le Applicazioni di Enel Energia:

Lascia un commento