Come riciclare il tè

bustine da te

Il è senza dubbio la bevanda più utilizzata al mondo, subito dopo l’acqua. Disponibile in diverse fragranze il si ricava dalle foglie essiccate della Camellia Sinensis, una pianta diffusa in Cina, India, Sri Lanka, Giappone e Malesia.
Oltre tutti i benefici per il corpo e la mente dall’assunzione della bevanda,esistono diversi usi alternativi del . Le foglie o le bustine  che si scartano ogni volta che si beve il tè potrebbero essere riciclati.

Come riciclare il tè. Bustine non usate
Le bustine di tè possono essere utilizzate per la pulizia di casa. Bastano due cucchiai aggiunti all’acqua calda, per far risplendere i pavimenti di casa, soprattutto se sono in legno scuro oppure per lucidare antichi mobili in legno scuro. In alternativa, possiamo far risplendere i vetri o gli specchi di casa, facendo scomparire gli aloni che spesso si formano sui vetri. Basta versare il liquido ancora caldo in uno spruzzino. Dopo aver spruzzato sul vetro, passate la superficie con un panno di cotone asciutto.

Come riciclare il tè. Bustine usate
Le bustine di tè usate, possono anche essere utilizzate per rimuovere le macchie di unto e le impronte che spesso troviamo sulle maniglie delle porte o degli stipetti della cucina. Le bustine di tè usate sono funzionali anche per la pulizia dell’argenteria. Inoltre se vi capita di non riuscire a togliere dalle mani il cattivo odore di pesce o cipolla, potrete usare le bustine di , sfregandole tra le dita, per far passare il cattivo odore.
Il , inoltre, è un utile assorbi odori per il frigorifero. Provate a metterne una bustina usata su uno dei ripiani oppure aggiungetela al fondo della lettiera dei vostri animali domestici. Le bustine di tè alla frutta, una volta essiccate, possono essere usate come profumatori per ambienti, come per l’abitacolo delle auto oppure per gli armadi, magari appendendoli in un grazioso sacchettino, sotto lo specchietto oppure poggiandoli nell’armadio.

Come riciclare il tè. Cura del corpo
Il tè può essere applicato, inoltre, per la cura del corpo. Può essere, infatti, usato nella preparazione dell’henné, al posto dell’acqua. Il tè nero fornisce vivaci riflessi ramati ai capelli. Il tè verde, inoltre, è ottimo per la creazione di un tonico per il viso; è possibile preparare una soluzione antiossidante da applicare sul viso mattina e sera, unendo il tè verde con due cucchiai della bevanda e poche gocce di succo di limone.

Vuoi essere aggiornato su temi che riguardano il riciclo, il risparmio energetico e tematiche green? Seguici sulla pagina fan di Facebook Tecnologia- Ambiente.

 

Un commento su “Come riciclare il tè”

Lascia un commento