Damiano dei Maneskin e Giorgia Soleri adottano un gatto maltrattato

Damiano dei Maneskin e la fidanzata Giorgia Soleri hanno deciso di adottare un gatto precedentemente maltrattato. Si sono infatti recati alcune ore all’Oasi felina di Pianoro, nel bolognese. Sono stati proprio loro a renderlo pubblico attraverso i social dove hanno condiviso il video del loro primo incontro con il micio che avendo gli occhi di colore diverso, hanno deciso di chiamarlo “Ziggy Stardust”, come il personaggio di David Bowie.

Damiano dei Maneskin e Giorgia Soleri adottano un gatto maltrattato, lo hanno chiamato Ziggy Stardust

L’avvicinamento da parte del cantante e della sua fidanzata all’Oasi felina del bolognese, risale ad ottobre 2021 quando nella struttura è divampato un incendio che ha ucciso 8 gatti. Da lì la promessa dei due che dalla prima donazione hanno deciso di continuare a supportare l’Oasi.

Nelle ultime settimane i volontari del rifugio hanno raccontato la storia di un micio chiamato Mattia con gravi problemi di salute.
Era dolorante in tutto il corpo con diverse ferite alla paete del collo, inoltre non mangiava : «Dopo le prime visite avevamo scoperto che aveva il palato fratturato (per questo non mangiava e respirava male) sicuramente a causa di un calcio o un altro colpo molto violento, che i dolori alla colonna vertebrale erano causati da colpi simili e che il pelo mancante e le escoriazioni che aveva intorno al collo erano dovute al fatto che era stato tenuto incatenato o legato con una corda» scrivono su Facebook i volontari dell’Oasi.

Subito dopo la pubblicazione della storia del gatto, sono stati due ragazzi a contattare l’Oasi i quali si sono presentati con il nome di Giorgia e Damiano, sostenendo di essere grandi amanti dei gatti : «Prima ancora di sapere chi fossero davvero Giorgia e Damiano abbiamo iniziato a parlare con loro e abbiamo capito che avevamo davanti due persone che amano davvero i gatti – scrivono nel post dell’Oasi – . Noi siamo abbastanza esperti perché siamo molto scrupolosi nello scegliere a chi affidare i nostri mici… e il più delle volte ci basta fare caso alle cose che chiedono le persone che vogliono adottare i nostri mici, o alle parole che usano per capire se un’adozione si potrà fare o meno…».

Con Damiano e Giorgia si è instaurato un bellissimo rapporto finalizzato allo stato di salute del gatto. Infatti l’Oasi e i due ragazzi sono sempre in contatto per seguire le vicende del gatto e capire quando si sarebbe ripreso del tutto: «Senza nessun annuncio e nessun clamore, abbiamo ricevuto la visita di due ragazzi splendidi, umili e semplici. Quando sono venuti da noi hanno voluto visitare tutta l’Oasi e conoscere tutti i mici nostri ospiti. Poi quando finalmente hanno conosciuto Mattia… è stato amore a prima vista. Davvero, è stato incredibile come tra i 3 sia subito scoppiato un amore totale e siamo ancora emozionati al pensarci. Mattia aveva proprio bisogno di essere adottato… e quando ha visto Giorgia e Damiano si è letteralmente buttato tra le loro braccia e ha fatto partire un treno di fusa».

Mattia è poi andato a vivere con Damiano e Giorgia nella loro casa, dove erano presenti già altri due gatti. Doveva ambientarsi e I due ragazzi dovevano capire se la convivenza tra gli animali sarebbe stata possibile «Giorgia e Damiano anche in questo si sono dimostrati super. Ci hanno mandato tantissime foto e video dei giorni successivi, abbiamo potuto constatare insieme che tutto andava per il meglio e ora finalmente possiamo annunciare ufficialmente che l’adozione è andata in porto».
«Cosa resta di questa storia? – si chiedono i volontari dell’Oasi in un post sul loro profilo Facebook – non tanto che abbiamo potuto accogliere due persone note in Italia e anche di più, ma che due persone sensibili, attente ai bisogni degli animali hanno deciso di dare una casa e un futuro di amore a un gatto adulto, disabile, maltrattato. Ci auguriamo che possa essere da esempio per tante altre persone». Damiano e Giorgia hanno lasciato ai volontari della struttura un messaggio: «Grazie per quello che fate!».

Lascia un commento