Incentivi sì, ma ecocompatibili

A partire dal 3 novembre 2010, è ripartita la corsa agli incentivi per alcune categorie come moto/motorini, elettrodomestici, banda larga, case ecologiche e cucine.

Si tratta di una riassegnazione di 110 milioni di euro non impiegati dai precedenti incentivi, quelli dell’ aprile 2010, che prevedevano una scadenza nel dicembre 2010. Il ministero ha creato un unico fondo da cui attingerà per distribuire i contributi. In particolare, all’interno del più ampio ambito dei bonus statali per il miglioramento dell’efficienza energetica e per la promozione della sostenibilità ambientale, risultano molto interessanti gli incentivi per le cucine.

È molto semplice effettuare la richiesta ed è possibile usufruire di modelli innovativi, i quali si caratterizzano per un impatto ambientale ridotto. In particolare, si punta al risparmio energetico per ridurre gli effetti dell’inquinamento dell’aria, provocato dalle emissioni.

A disposizione dei consumatori per gli ecoincentivi ci sono fondi statali su cucine ed elettrodomestici green e ad alta efficienza energetica.

Nello specifico, i consumatori potranno avere a loro disposizione degli sconti considerevoli sulle cucine con elettrodomestici da incasso, che dispongano di quelle caratteristiche tecniche in grado di garantire la riduzione degli sprechi energetici.

Anche per quanto riguarda la rottamazione degli elettrodomestici, sono a disposizione dei consumatori degli interessanti incentivi, i quali, per usufruirne, potranno rivolgersi al proprio venditore di fiducia. Quest’ultimo ha il compito di verificare tramite una procedura telematica la consistenza dell’incentivo e la sua disponibilità. Il vantaggio per il consumatore si concretizza con un vero e proprio sconto sul prezzo di acquisto.

Grazie agli ecoincentivi 2011 abbiamo tutti un’opportunità concreta, attraverso la messa in atto di comportamenti semplici, ma ecocompatibili, di contribuire al rispetto dell’ambiente.

Lascia un commento