Come ridurre l’inquinamento domestico per migliorare la salute

come-ridurre-linquinamento domestico

Pensate che sia solo lo smog che respiriamo quando siamo fuori…. l’unica forma di inquinamento al quale siamo sottoposti? Niente di più sbagliato! Anche stando barricati dentro casa bisogna fare i conti con l’inquinamento, soprattutto quello “indoor”, cioè l’inquinamento che si nasconde dentro casa.Tutto ciò abbiamo in casa, come tappeti, mobili, fumo e persino ahimè gli animali possono diventare fonti di inquinamento indoor. Vediamo nel dettaglio come ridurre l’inquinamento domestico per migliorare la nostra salute.

Inquinamento domestico, le indicazioni
Come fare per ridurre al minimo questo inquinamento?
Innanzitutto dobbiamo ridurre al minimo le emissioni di V.O.C. ovvero di composti organici volatili, che altro non sono che sostante chimiche in forma liquida o gassosa con alto tasso di evaporazione a temperatura ambiente. L’esposizione prolungata a queste sostante può provocare irritazioni agli occhi, al naso, alla gola, mal di testa e asma.

Dove si trovano questi composti organici?
Purtroppo troviamo questi composti praticamente ovunque:

  • Mobili
  • Vernici (esempio pitture a olio, vernici al solvente, ecc..)
  • Colle
  • Fumo di sigaretta
  • Prodotti per la pulizia di casa (cere liquide, spray, prodotti per la pulizia, …)
  • Tappeti e moquette
  • Cosmetici (soprattutto spray)
  • Insetticidi

Inquinamento domestico, rimedi naturali

  • Riducete i prodotti che contengono composti volatili, utilizzando composti che abbiano un basso tasso di V.O.C.
  • Utilizzare rimedi naturali per pulire, come ad esempio l’aceto o il limone, che spesso hanno più efficacia di prodotti chimici
  • Fate ventilare i locali in casa: una corretta ventilazione aiuterà ad abbassare il numero di composti volatili presenti in casa
  • Riducete l’utilizzo di deodoranti per la casa e comunque scegliete quelli naturali, preferendo l’uso di olii essenziali;
  • Ventilate i vestiti lavati a secco
  • Pulite regolarmente la tappezzeria del salotto come tappeti, tende e cuscini
  • Se non è già presente, installate una cappa aspirante in cucina, in modo da convogliare i fumi all’esterno dell’abitazione
  • Aggiungete piante nei locali di casa in quanto sono in grado di ridurre la presenza di sostanze volatili
  • Attenzione all’umidità che aiuta a liberare i composti volatili dalle pareti e gli armadi
  • Se possibile utilizzate cosmetici spray in ambienti ben ventilati
  • Preferite il gel per capelli alla lacca e i deodoranti stick a quelli spray
  • Verificate che gli armadi e i mobili in legno (se fatti di compensato) abbiano la certificazionesecondo gli standard di bassa emissione di formaldeide e composti volatili.

Inquinamento domestico, animali domestici
A volte anche gli animali domestici possono compromettere la salubrità di un appartamento. Saliva, urina, forfora, peli e pelle degli animali domestici possono essere fonte di allergie; senza dimenticare gli agenti trasportati dall’esterno che rimangono intrappolati nel pelo.
Si consiglia quindi di spazzolarli regolarmente e, soprattutto se si tratta di cani, lavarli costantemente. Evitare infine di farli dormire sul letto.

Inquinamento domestico, la manutenzione
Particolare attenzione bisogna rivolgerlo al condizionatore. Se non vengono sottoposti a una corretta e regolare manutenzione i condizionatori possono diventare diffusori di batteri e contaminanti biologici: nei filtri si annidano acari, polveri e muffe. Solo un utilizzo corretto evita la diffusione di queste sostanze.
Vediamo in dettaglio come utilizzare correttamente un condizionatore:

  • Prima di collocare il condizionatore verificate che la parte esterna non sia esposta a una strada trafficata o vicino a una raccolta di rifiuti;
  • Fate la manutenzione periodica dei filtri;
  • Non mettete troppe lampade o accessori vicino al condizionatore in modo da lasciare libero il passaggio e favorire la manutenzione.

Lascia un commento