Maltrattata e costretta a dormire tra i rifiuti per anni: il suo primo riposino ha commosso tutti

primo pisolino casa rifiuti
Per tutta la sua vita, Sundae si era sempre dovuta accontentare di rifugi di fortuna: il suo proprietario la lasciava tutta la notte all’esterno, in un cortile quasi interamente ricoperto di rifiuti. Qualche volta – quando le andava bene – la lasciava dormire un garage non isolato dal freddo e dall’umidità.

Insomma, non aveva mai messo piede in una casa o in un luogo sicuro. Fortunatamente per questo mix di coonhound e Labrador retriever, un gruppo di volontari della Country Roads Animal Rescue Society è venuto a conoscenza delle sue condizioni e ha deciso di salvarla da quella situazione precaria. Sundae, tra l’altro, aveva appena dato alla luce una cucciolata e non poteva più vivere in quel modo.

Per fortuna l’associazione animalista ha trovato quasi istantaneamente una famiglia in grado di occuparsi di lei e dei suoi cuccioli. E così, qualche giorno dopo Sundae ha potuto finalmente mettere piede in una casa e conoscere il significato di avere un letto al calduccio. Appena si è sdraiata per la prima volta sul suo cuscino la sua espressione è immediatamente cambiata, passando da un volto stanco e triste a uno più sereno e sollevato.  Sundae aveva capito di essere finalmente al sicuro.

“Si è adattata immediatamente, ora non ti accorgeresti neanche che ha vissuto la maggior parte della sua vita in quelle condizioni”, ha scritto su Reddit la ragazza che l’ha adottata. “È incredibilmente gentile ed è molto educata in casa.”

Costretta a dormire tra i rifiuti per 8 anni: la nuova vita di Sundae

La ragazza l’ha chiamata Sundae perchè ha un suono che si adatta perfettamente alla sua dolcezza e al suo viso: il sundae, infatti, è un dessert gelato ricoperto da cioccolato, vaniglia e caramello, gli stessi colori che contraddistinguono il suo faccino maculato.

Ora Sundae è un cane educato e una mamma molto affettuosa nei confronti dei suoi cuccioli, ma non dimentica di offrire tutto il suo affetto alla sua amica umana: “Ama dormire vicino al mio letto. Penso che stia solo compensando gli otto anni in cui non ha mai ricevuto affetto.”

Oltre a non aver mai conosciuto le comodità di vivere in casa, non era neanche mai stata dal veterinario. La cagnolona era malata di filaria e aveva bisogno di un intervento odontoiatrico. Fortunatamente, per il resto, godeva di buona salute. Dopo qualche mese trascorso insieme, tutti i suoi cuccioli sono stati adottati da altre famiglie. Ora anche Sundae attende che qualcuno si innamori di lei visto che il primo affido era di natura temporeanea. Considerando il modo in cui si è adattata alla vita in casa, non sarà difficile trovarle un’amorevole famiglia che si occupi di lei per il resto della sua vita. Una cosa è certa: non sarà mai più costretta a dormire fuori casa, tra i rifiuti.

Lascia un commento