Semenzaio fai da te, materiali e terreno da scegliere

semenzaio fai da te

Per realizzare un semenzaio fai da te in casa bastano semplici materiali facilmente reperibili in casa come per esempio rotoli di carta, contenitori per le uova, barattoli yogurt, bottiglie di plastica…… insomma l’elenco è lunghissimo! A tal proposito vi illustrerò varie mini guida per fare un semenzaio in casa per poter dare inizio alla germinazione dei semi e alla coltivazione dei vostri ortaggi. I semenzai vi daranno la possibilità di selezionare le piantine più forti e di ottimizzare gli spazi nel vostro orto.

Semenzaio fai da te, caratteristiche ideali del terreno

Prima di realizzare un semenzaio è necessario procurarsi il terreno giusto: deve avere una consistenza soffice e friabile inoltre deve essere umido per permettere ai semi di crescere, ma privo di ristagni d’acqua
Non devono esserci spore o parassiti, che comprometterebbero la crescita delle piantine. Nei negozi specializzati potete trovare diversi terricci pensati appositamente per la semina, ma se preferite preparatevelo da voi, non è difficile: basta mescolare in uguale quantità terra da giardino, composto maturo setacciato e sabbia. Infine sterilizzate il terreno riscaldandolo a 150 °C per una mezz’ora circa: una volta raffreddato, potrete procedere

Come realizzare il semenzaio, i contenitori

Semenzaio fai da te con i rotoli di carta igienica

  1. Procuratevi una scatolina di plastica con coperchio come quelle dei pomodori ciliegia che si trovano al supermercato e sei rotoli di carta igienica, del compost maturo e del terriccio
  2. Adagiate nel contenitore i sei rotoli
  3. Fatto ciò, versate la miscela di terriccio (come suggerito nel paragrafo precedente) dentro ciascun rotolo di carta igienica che avrete adagiato dentro la scatola: dovrete riempirlo per i 2/3
  4. Versate i semini e coprite con altra miscela
  5. Bagnate con uno spruzzino le superfici poi chiudete il coperchio: assicuratevi che l’umidità rimanga costante, altrimenti spruzzate ogni due giorni circa
  6. Al momento del trapianto, sia in vaso o in terra, prendete il rotolo di carta igienica con il germoglio e piantatelo: il cartone è un materiale organico che andrà a compostarsi e arricchire il terreno.

semenzaio-carta-igienica

Semenzaio fai da te con carta riciclata

Per realizzare dei semenzai biodegradabili da trasferire direttamente nel terreno basta semplicemente arrotolare dei fogli attorno a un barattolo, si creeranno dei piccoli contenitori che riempirete con del terriccio come vi ho già illustrato nel paragrafo precedente.

Semenzaio fai da te con i contenitori delle uova

Praticate dei fori sul fondo successivamente potrete operare come nel primo paragrafo.
Vanno bene sia i contenitori di plastica che quelli in cartone; quest’ultimi sono biodegradabili.

semenzaio-uova

Semenzaio fai da te con i gusci delle uova

Oltre ai contenitori delle uova, anche i loro gusci, possono essere impiegati per realizzare dei semenzai biodegradabili. Dovrete avere cura a rompere le uova in modo da lasciare intatta la parte inferiore del guscio.

Semenzaio fai da te con le bottiglie di plastica

Separate il fondo della bottiglia dalla parte superiore e bucherellatelo sulla parte inferiore, in modo da favorire lo scolo dell’acqua. Posizionando i fondi di bottiglia uno dentro l’altro, otterrete in poche mosse anche dei sottovasi.

Semenzaio fai da te nelle cassette della frutta di legno o plastica

  1. Procuratevi una cassetta qualsiasi
  2. Riponete il terriccio nella cassetta: bastano 10 cm di profondità
  3. Spargete i semi poi copriteli con qualche mm di terra: una volta seminato ricordatevi di mettere dei bastoncini con etichette con il nome dell’ortaggio prescelto
  4. Bagnate con il getto a pioggia avendo cura di non spostare i semi
  5. Riponete la cassetta in un luogo soleggiato, coprite con un telo di plastica o carta da cucina per mantenere l’umidità: annaffiate ogni due giorni valutando, però, il clima della vostra zona e l’effettivo bisogno del terriccio.

Semenzaio fai da te, come scegliere la posizione

La posizione del semenzaio ha un ruolo fondamentale dato che deve essere esposto il più possibile alla luce e al calore del sole per garantire la crescita. Il posto ideale è quello orientato verso sud o sud ovest senza dimenticare che deve essere riparato dalle condizioni climatiche avverse
Semenzaio fai da te nella veranda di casa
La veranda è uno spazio che si presta tantissimo alla piccola coltivazione: vi è molta luce, sprigiona calore, un importante elemento per far germogliare bene e velocemente i semi.
Per realizzare un semenzaio basta costruire delle mensole ai vetri della veranda e posizionarvi dei semenzai sopra citati
Ricordatevi di areare almeno una volta al giorno per circa 1 ora, altrimenti potrebbero appassire i germogli appena nati per mancanza di aria.
Semenzaio fai da te alle finestre
Lo stesso principio della veranda di casa vale anche per le finestre: basta posizionare i semenzai sul davanzale interno della finestra, creando dei ganci sospesi o utilizzando delle ventose per attaccare direttamente sulla finestra i contenitori.

Semenzaio fai da te, indicazioni utili

  • Se il seme ha una media grandezza, che corrisponde a un chicco di riso fino a un piccolo fagiolo, possiamo interrarlo singolarmente, a 1 o 2 centimetri di profondità, facendo attenzione di ricoprire il buco creato
  • Se si tratta di semi più piccoli dovrete spargerli sulla superficie, avendo cura di distribuirli uniformemente, per poi coprirli con un leggero strato di torba
  • Assicuratevi che il semenzaio abbia un posto della casa luminoso, caldo e umido
  • Non dimenticate di mantenere l’umidità del semenzaio costante fino alla fuoriuscita prima e all’irrobustimento poi, delle piantine.

Per essere sempre informati sulle tematiche agricole, consultate il sito del Ministero dell’agricoltura

Foto di Laura Zuddas

Categorie L'Orto

Lascia un commento