Tarme del cibo: tutte le soluzioni per eliminarle per sempre!

tarme del cibo come eliminarle
Nell’ideale, gli alimenti dovrebbero essere stoccati in contenitori ermetici rigidi, e non in contenitori di plastica o cartone, vulnerabili per qualsiasi tarma del cibo.

Tarme del cibo: come riconoscerle (foto e immagini identificative), come arrivano nella tua dispensa e come eliminarle. Rimedi, informazioni sanitarie e differenza tra tarme della farina e insetti della pasta.

Sommario:

Tarme del cibo o camole

Si fa presto a parlare di tarme del cibo o camole. In realtà, le nostre dispense possono essere attaccate da due specie completamente diverse, chiamate genericamente “tarma del cibo” o “camola“.

Con il termine tarme del cibo o camole, (nome scientifico Plodia interpunctella) in realtà, si fa riferimento a due tarme differenti che possono essere definite comunemente com “tarme della pasta” e “tarme della farina“. Sì, si tratta di due specie diverse che riuscirai a distinguere dopo aver visto le foto che ti proponiamo.

Entrambe le tarme del cibo hanno le stesse abitudini alimentari (si nutrono di grano, frutta secca, prodotti da forno, cacao, farine, graminacee di ogni genere, cereali come riso e derivati come la pasta), la larva è di dimensioni simili ma l’evoluzione è del tutto differente e anche gli adulti delle tarme del cibo hanno forme diverse.

Insomma, le tarme del cibo che possiamo trovare nella nostra credenza sono due, la Plodia interpunctella (farfallina della pasta) è il Tenebrio molitor (coleottero nero), entrambe identificate come camole.

Tarme della pasta o farfalline del cibo: Plodia interpunctella

Se notate degli insetti nella pasta a forma di verme (o vermi nella farina, nel riso, nel cacao…), potrebbe trattarsi analogamente di Plodia interpunctella o di Tenebrio molitor.

Come distinguerle?

Le larve hanno un aspetto diverso mentre la diversità è ancora più schiacciante nella forma adulta.

Gli insetti della pasta tarme del cibo con la metamorfosi diventano farfalline. Ecco perché sono anche note come farfalline della pasta farfalline del cibo. Nella foto in basso è mostrato l’aspetto di uno dei vermi che avreste potuto notare… in realtà non si tratta di vermi ma di una larva.

larve delle tarme del cibo
Ecco una larva di Plodia interpunctella.

In questa pagina ci soffermeremo sulle farfalline, mentre se hai notato insetti del cibo marroni, castani o arancio, dal paragrafo in basso sarai mandato alla pagina dedicata alle camole del cibo o tarme della farina.

Tarme della farina: Tenebrio molitor

Noto anche come scarabeo della farina, scarafaggio della farina o tarma della farina. Il suo aspetto cambia perché attraversa quattro fasi nel suo ciclo di vita: uovo, larva, pupa e adulto. Le larve sono più grosse rispetto alle larve delle farfalline della pasta, raggiungono 2,5 cm e sembrano dei veri e propri vermi. Se hai ingerito delle tarme della farina, sappi che le larve di Tenebrio molitor sono commestibili, in altri paesi si usano addirittura come alimento, al pari dei nostri gamberetti.

tarme della farina
A sinistra, le larve in due stati differenti di sviluppo. A destra, come appare l’adulto.

Se nella tua credenza ci sono questi sgraditi ospiti, oppure sei interessato alle camole commestibili o all’allevamento delle camole della farina ti invito a visitare la pagina dedicata alle Camole della farina. I consigli per eliminarle sono gli stessi anche se il ciclo di vita cambia.

Le tarme del cibo sono pericolose? Malattie e descrizione

Iniziamo con le domande più “allarmanti”:
Le tarme del cibo sono pericolose? No.
Le tarme del cibo portano malattie? No.
Cosa succede se ho mangiato la pasta coi vermi? Sopravvivrai!

Le tarme del cibo -in entrambi i casi- sono innocue per l’uomo e, in ambito domestico, solo in remotissimi casi possono diventare portatrici di malattie, per questo non sono pericolose per l’uomo, ne’ in modo diretto (se le ingerisci), ne in modo indiretto (da vettore).

farfalline in casa tarma del cibo
Ecco come appare un adulto delle tarme del cibo o farfalline della pasta

Le tarme del cibo Plodia interpunctella, nella forma adulta, appaiono come farfalline lunghe 8-10 mm, dalla superficie lucida e talvolta ramata. Possono essere anche bronzee o, in alcuni casi, marroni e grigiastre. Le larve appena schiuse sono difficili da vedere ma, quando maturano, raggiungono una lunghezza di 12-14 mm e appaiono come nella foto in alto.

Le larve hanno un apparato boccale molto forte: riescono a rodere buste di plastica, tessuti, cartone… qualsiasi materiale flessibile che possa separarle dal cibo.

Tarme del cibo, cosa succede se ingerite

Come premesso, le Camole o tarme farina sono addirittura commestibili. In molti paesi asiatici le tarme della farina sono usate come pietanza e anche nell’Unione Europea appaiono nella lista degli insetti commestibili. Mangiare camole non fa male, anche se noi europei non siamo affatto abituati a questo genere di alimentazione. Da ciò ne deriva che si può usare la farina con le tarme.

Questo è ciò che concerne le larve di Tenebrio molitor… mentre le farfalle della farina sono commestibili? No. Ne’ le larve, ne’ gli adulti. La farina con farfalle non fa male, ma meglio destinarla al compost.

Si può usare la farina infestata dalle tarme del cibo?
In line generale sarebbe meglio destinarla al compost, tuttavia se sei certo che si tratta di vermi di Tenebrio molitor (larve) allora puoi sentirti rassicurato perché milioni di persone nel mondo se ne nutrono. Se si tratta di tarme / farfalline, meglio eliminare la farina.

Se ti è capitato di mangiare farina con insetti, niente paura! Non stai per contrarre malattie rare! Sappi che tra cottura e succhi gastrici, avrai eliminato le tignole del cibo e non corri rischi. Non è pericoloso ingerire le larve della tignola del cibo, tuttavia è sconsigliato.

Se proprio non vuoi gettare via la farina o gli alimenti potenzialmente contaminati, trasferisci pasta, riso e altro, nel frigorifero (ma tenendoli sigillati in barattoli di vetro o plastica rigida dalla chiusura ermetica). Il motivo? Se ci sono uova, queste non schiuderanno.

farfalline in cucina tarme del cibo
Ecco come appaiono le uova delle tarme del cibo o farfalline della pasta

Le uova, per schiudere, necessitano di temperature di almeno 10°C, in questo modo nel peggiore dei casi ingerirai solo pasta e uova. Le uova di falena hanno un colore biancastro. Sono difficili da individuare a occhio nudo, tuttavia ti segnalo una foto.

Come eliminare le tarme del cibo con rimedi naturali e non

In caso di camole (quindi entrambe le specie citate), in genere, sono segnalati rimedi naturali come trappole a base di feromoni, che possono andare bene… ma, rimedi naturali come l’inserimento di foglie di alloro o sale in pietra sembrerebbero non essere efficaci. Il sale, è vero che abbatte l’umidità (le tarme del cibo prosperano meglio con tassi di umidità elevati) ma non va a eliminare il problema alla radice. L’alloro, se fresco, forse può agire da repellente naturale, tuttavia se usato secco potrebbe essere mangiato dalle tarme del cibo o farfalline della pasta.

L’unico rimedio naturale davvero efficace per eliminare le tarme del cibo consiste nell’eliminare la fonte di sostentamento di questi insetti. Cosa vuol dire? Che dovrai fare attenzione a come conservi i tuoi alimenti e iniziare a capire cosa mangiano.

Tarme del cibo: cosa mangiano

Gli alimenti preferiti sono proprio la frutta secca, la farina di mais, il riso, il cacao, semi vari, noci, spezie, cous cous, caffè, la cioccolata, i prodotti da forno (biscotti e dolcetti), la pasta, la farina… ma anche il cibo per cani, cibo per gatti e per gli uccelli! Insomma, qualsiasi alimento tu abbia in casa, dovrai conservarlo in barattoli di latta, di plastica rigida o vetro.

Gli adulti (le farfalline che trovi in cucina) non sono in grado di forare nulla. Gli adulti vivono poco, si riproducono, depongono le uova e muoiono.

Le uova vengono deposte direttamente sul substrato (il tuo cibo) oppure nelle sue vicinanze e, le larve, quando schiudono, posso arrivare a forare i film plastici dei pacchi di pasta, la carta delle confezioni del riso e della farina, così come altri imballaggi. La larva possiede un robusto apparato masticatore e per questo per debellare le tarme del cibo è saggio riorganizzare completamente la credenza.

Come eliminare le tarme del cibo? 

  1. Ispezione
    Ispeziona tutti i tuoi alimenti. Cerca la sorgente dell’infestazione ed eliminala. Come la riconosci? Perché possono presentare dei residui dello sfarfallamento delle larve (filamenti nella farina), delle ragnatele sferiche o filamentose, uova.
  2. Organizzazione
    Eliminati gli alimenti infestati dalle tarme del cibo, passa a riorganizzare la credenza. Metti tutti i tuoi alimenti sani (o presunti tali) in barattoli di vetro o plastica rigida. Se sei convinto che la pasta sia contaminata (perché magari noti fori sulla confezione) trasferiscili in frigorifero oppure cuci la pasta con le tarme e usala per l’alimentazione dei tuoi animali domestici.
  3. Pulizia
    Pulisci i mobili e controlla anche dietro pensili e credenze. Dovrai fare una sorta di “cambio di stagione”… del cibo! Faticoso sì, ma necessario, soprattutto per evitare l’uso di insetticidi per le tarme del cibo che inevitabilmente contaminerebbero anche le tue derrate alimentari.

In commercio non si trova un insetticida per le tarme del cibo a uso domestico. Devi sapere che se conosci solo da poco questi insetti, gli agricoltori le fronteggiano da secoli e, a causa dell’uso massiccio di insetticida e prodotti contro le tarme del cibo, queste hanno sviluppato delle resistenze… ciò significa che se usi un insetticida le tarme riusciranno a tollerarlo e non farai altro che inquinare il tuo ambiente domestico o peggio… il tuo cibo… poi sì che ti farà male ingerirlo.

Come si formano e da dove arrivano le tarme?

Oltre a capire come eliminarle, può sorgerti spontanea un’altra domanda: come si formano le tarme del cibo nella tua cucina?

Sappi che la normativa italiana vieta la messa in commercio di alimenti insudiciati, se noti degli insetti nella pasta o nella farina, quello che devi fare è controllare l’integrità della confezione. Se al momento dell’apertura vi erano già tarme, la responsabilità è del produttore… tuttavia ciò è difficile da dimostrare ed è anche raro.

Più comunemente le tarme del cibo arrivano nella tua credenza a causa di un cattivo stoccaggio nei magazzini del supermercato. In pratica hai comprato una confezione integra ma sulla quale erano presenti delle uova. Le uova sono schiuse e… ecco che inizia il ciclo di vita delle tarme della farina.

come eliminare le tarme del cibo
Indizio di un’infestazione di tarme del cibo. Il resto di una larva che ha appena concluso la sua fase del ciclo di vita ed è mutata in farfalla o falena (tignola).

Tarme del cibo, come eliminarle con le trappole

Se hai già provato a eliminare le tarme della farina e della pasta con i rimedi fai da te indicati prima (ispezione, organizzazione e pulizia) ma l’infestazione compare periodicamente, vuol dire che non hai pulito a fondo e ti è sfuggito qualcosa! 🙂 In ogni caso, se preferisci puoi usare delle trappole nate appositamente per eliminare gli insetti della pasta.

Dove trovare queste trappole? Nei supermercati più forniti o sfruttando la compravendita online. Per esempio, “a questa pagina Amazon” una confezione di trappole antitarma alimentare si compra al prezzo di 4,30 euro.

Il nostro consiglio, però, rimane quello di evitare le trappole ai feromoni, in quanto se abiti in un condominio, potrebbero addirittura attirare le tarme del tuo vicino di casa (sono molto forti). Piuttosto armati di pazienza e di contenitori dalla chiusura ermetica (assicurati di scegliere contenitori adatti all’uso alimentare), puoi usare i barattoli di vetro delle passate di pomodoro che usi (cambiato i tappi) oppure acquistare appositi contenitori di stoccaggio come quelli che trovi a “questa pagina Amazon“, sono ottimi e ti mettono gli alimenti al riparo da qualsiasi insetto del cibo, dalle tarme al punteruolo del grano!

Tarme del cibo e dei vestiti

Se hai delle farfalline in casa sono due le ipotesi, o si tratta di tarme dei vestiti o di tarme del cibo, sono entrambe tignole quindi la forma adulta conserva similarità.

La Plodia interpunctella non attacca il legno e i tessuti, tuttavia le larve posso forare il tessuto per raggiungere gli alimenti da mangiare. Tutt’altra storia sono le tarme dei vestiti che attaccano esclusivamente tessuti (cotone, lana, seta, tessuti misti…). Distinguerle è facile, la forma è uguale ma il colore del corpo diverso, inoltre se le farfalline sono in cucina si tartterà di tarme del cibo, se le trovi nell’armadio, nel letto o in prossimità della camera da letto, si tratterà di tarme dei vestiti. Per approfondire: tarme dei vestiti.

Altri insetti della pasta e del cibo: punteruolo del grano.

Categorie Guide

Un commento su “Tarme del cibo: tutte le soluzioni per eliminarle per sempre!”

  1. Qualche anno fa ho trovato nella dispensa dei biscotti con farfalle da allora nonostante pulizie continue, ho usato anche ozono, ogni anno l’estate tornano e me ne accorgo solo perché metto i foglietti adesivi nella dispensa. Da dove arrivano??? Ogni volta controllo tutto ma non ci sono larve o uova (le conosco bene). Da primavera in poi la svuotò e ripulisco in maniera maniacale ogni due settimane (è una dispensa con la porta non un pensile di cucina). Mi sono anche accorta che se vado via da casa, aumentano. Con il buio si riproducono più velocemente????? Qualcuno può aiutarmi???

Lascia un commento