Come stimolare la leptina per perdere peso in modo naturale

DIETA DELLA LEPTINA
Avete mai sentito parlare di dieta della leptina? E’ da questo ormone che dipende la quantità di grassi che viene convertita in energia per l’organismo e che viene accumulata nel corpo.

Tantissime persone vivono alla continua ricerca della risposta ad una sola ed unica domanda “Non Dimagrisco! Ma perché non dimagrisco!”, ma molte donne non sanno che un importante ormone presente nel nostro corpo, plasma l’appetito e i segnali di fame: la leptina.

Non Dimagrisco!  Cos’è la Leptina

La leptina altro non è che un ormone prodotto dal grasso corporeo, che trasmette il senso di sazietà al cervello, trasmettendo il messaggio che l’organismo è sazio e non ha più bisogno di mangiare.

Uno dei punti fondamentali sullo studio della leptina è la resistenza che il corpo può sviluppare a questo ormone e i problemi che insorgono nel nostro organismo quando ciò avviene.

Secondo molti studiosi l’obesità è strettamente legata a questo aspetto, ovvero al corpo che non reagisce più, o reagisce più lentamente, alle informazioni dell’ormone. Per fartela molto semplice, è come se alcune delle antenne dell’ipotalamo fossero rotte e quindi ricevessero male il segnale della leptina; quindi se la leptina cerca di dire: “basta! Il corpo è sazio!”, il messaggio non arriverà come si deve e  noicontinueremo a mangiare pensando di avere ancora bisogno di energie.

Nelle persone in sovrappeso, data enorme massa adiposa, si innesca una resistenza a questo prezioso ormone, impedendo all’organismo di comunicare in maniera corretta con il sistema nervoso centrale e mandare messaggi in modo efficace. Pertanto più sarà il grasso nell’obeso, meno risulterà l’efficacia della leptina. Quindi regolando l’appetito ed il senso di fame, di conseguenza viene influenzato positivamente anche il peso corporeo e la percentuale di grasso corporeo si abbassa. Più il corpo produce leptina, più ci sentiamo sazie e con poco appetito!

A tal proposito vedremo come  stimolare la leptina eliminando così i chili di troppo naturalmente e con risultati eccellenti.

Come stimolare la leptina, l’attività fisica

Come già accennato più vi è adipe, meno è l’efficacia dell’ormone dell’appetito. Cosa fare? La prima cosa da fare è dedicarsi per almeno un’ora al giorno, all’attività fiisica. Non serve dimagrire velocemente, quello che più conta è iniziare a seguire uno stile di vita sano. Appena inizieremo a eliminare anche qualche etto di grasso, la comunicazione di questo ormone con il cervello inizierà a performarsi.

Secondo una ricerca condotta presso University of Texas Health Scienc Center può bastare eliminare già solo un chilo per far si che i livelli di questo ormone ritrovino la normalità. Nelle persone obese, dunque, i livelli di leptina si alzano proprio perché l’organismo cerca di compensare l’assenza di comunicazione, innescando una maggiore quantità di ormoni della leptina.

Tuttavia questa  connessione con il cervello può non migliorare anche se vi è un’elevata presenza dell’ormone. Pertanto, l’obiettivo è quello di ridimensionare la massa adiposa e pertanto anche l’elevata presenza di leptina negli adipociti, così da ripristinare una giusta connessione  con il sistema nervoso centrale

Praticare attività fisica in modo regolare e costante è il primo passo per cominciare a dimagrire. E’ sufficiente anche una semplice passeggiata di mezz’ora al giorno o almeno per tre volte a settimana. Oltre all’esercizio fisico aerobico come, nuoto, corsa, bicicletta e ante altre, è consigliabile fare un pò di attività anaerobica per accrescere la massa magra. I risultati saranno più efficaci e veloci.

Non sottovalutiamo che fare attività fisica presenta notevoli benefici psicofisici: lo stress diminuisce, altro fattore legato al sovrappeso. Possiamo associare all’esercizio fisico anche lo yoga.

Come stimolare la leptina, l’alimentazione

Non ci sono alimenti che contengono la leptina, ci sono però regole da seguire e alimenti che possono aiutare il nostro organismo a produrla.

Come regola di massima, possiamo dire che fare pasti troppo distanti l’uno dall’altro e fare una dieta troppo ricca di zuccheri e grassi, favorisce l’accumulo di peso e il mal funzionamento della leptina, dove il senso di fame si avverte anche quando non si ha un reale bisogno di nutrimento.

Assumere alimenti che aiutino a bilanciare i livelli di questo ormone può  di conseguenza aiutare a innescare la sensibilità alla leptina e di conseguenza ripristinare i reali segnali che la leptina dovrebbe mandare al cervello. Assumere proteine a colazione può rivelarsi un valido aiuto. Lo stesso dicasi per gli alimenti con elevato contenuto di fibre e per le verdure a fogle verde.

Altro fattore da non trascurare nell’alimentazione è la frequenza nell’assunzione dei pasti; meglio più piccoli pasti durante l’arco della giornata piuttosto che limitarsi ai classici tre pasti giornalieri. In questo modo potremo accelerare il nostro metabolismo. E’ fondamentale che le porzioni abbiano poche calorie. Gli spuntini tassativamente salutari; niente cibo spazzatura!

Dieta della leptina

Secondo la dieta della leptina, in base ai cibi che mangiamo, siamo in grado di attivare il nostro metabolismo, aumentare la combustione di grassi, limitare il nostro appetito e perdere peso.

Sono vietati :

Caffè
Zucchero
Bibite
Succhi di frutta con zuccheri
Dolci
Cibi grassi
Fast Food
Cibo spazzatura
Alcool
Preparati zuccherat
Biscotti, wafer, croissant ecc
Alimenti adatti per la dieta della leptina:

Pomodor
Uova
Yogurt
Cavoli
Carote
Lattuga
Peperoni
Broccoli
Spinaci
Pompelmo
Mele
Ciliegie
Arance
Succo di limoni
More
Cereali integrali
Mandorle
Noci

Dieta della leptina, indicazioni utili

  • I pasti nella dieta della leptina sono strettamente 3 al giorno e programmati rigorosamente. (più 2 spuntini)
  • La colazione deve essere consumata 12 ore prima della cena, mentre il pranzo esattamente 6 ore dopo la colazione e 6 prima della cena.
  • Gli spuntini tra i pasti devono essere salutari e la quantità di ogni pasto non deve superare le dimensioni di un palmo della mano.

In questo modo viene attivato l’intero organismo, stimolato il metabolismo e il corpo inizia a bruciare grassi.

ATTENZIONE: per il corretto svolgimento della dieta bisogna consumare il cibo lentamente. Bisogna masticare il cibo molto bene per dare del tempo al cervello a inviare il messaggio che siamo sazi e cosi a non consumare più calorie di quelle che servono al nostro corpo.

Ovviamente, non ci sono garanzie che questa “dieta per controllare la leptina” possa risultare effettivamente efficace per contrastare i chili in più, dal momento che ancora non ci sono studi che confermano questo diretto legame con la perdita di peso.

E’ doveroso precisare che i consigli che vengono dati in questa dieta sono comunque dei piccoli cambiamenti nelle nostre abitudini che possono risultare genericamente salutari, e quindi non solo legati all’aumento della leptina, ma proprio ad un benessere complessivo del tuo corpo.

10 Commenti to “Come stimolare la leptina per perdere peso in modo naturale”

  1. Milena

    Dic 16. 2014

    Credo ci sia una contraddizione: dove si parla di come stimolare la leptina viene detto di “mangiare piccoli pasti frequenti”, mentre nelle indicazioni utili viene detto di mangiare rigorosamente tre volte al giorno ad orari prestabiliti…

    Rispondi a questo commento
    • Tiziana Luca

      Gen 27. 2015

      d’accordo con Milena. i pasti dovrebbero essere almeno 5 e comprendere due spuntini prima dei pasti principali

      Rispondi a questo commento
  2. Guglielmo

    Mar 13. 2015

    Non è specificato con chiarezza che la Leptina è stimolata nella digestione di grassi e proteine. Inoltre è inibita da alti livelli di insulina. Quindi mangiare verdura + proteine animali con grassi buoni (vedi pesce azzurro es. 100g di salmone) senza mangiare pane o dolci, permette una corretta produzione di Leptina e darà una sensazione di sazietà che durerà diverse ore.

    Rispondi a questo commento
  3. chiara cavallaro

    Apr 14. 2015

    La leptina gioca un ruolo fondamentale sulla perdita di peso, sopratutto nel corpo femminile.

    Diversi studi hanno rivelato che la leptina velocizza il metabolismo, riduce il senso di fame e rende la perdita di peso più veloce, ma c’è da dire che non fa miracoli, bisogna seguire il giusto programma alimentare e altri fattori per avere successo.

    Rispondi a questo commento
  4. paolo

    Mag 05. 2015

    ho preso oggi conoscenza della importanza della leptina la mia domanda è?
    gli adolescenti tra 11 e 15 anni che sono nella fase di sviluppo devono seguire le stesse regole degli adulti

    Rispondi a questo commento
  5. francesco

    Lug 12. 2015

    ….sto seguendo rigorosamente la dieta prescrittami dalla mia Dietologa, e in un mese e mezzo ho perso 12/13 Kg e non ho più i classici sintomi d’appetito; mi chiedo: forse e’ merito della “leptina” ? Grazie .

    Rispondi a questo commento
    • Mariangela

      Lug 24. 2015

      Ehi, ciao Francesco sapresti dirmi di quante calorie è formata la tua dieta?

      Rispondi a questo commento
  6. Giorgia

    Ago 02. 2015

    Sono d’accordo sugl’alimenti da togliere tipo zuccheri,grassi tranne olio di oliva, cibi spazzatura e altro, ma mi dite come fa’ una persona a regolarsi con gli orari colazione pranzo e cena se lavora fuori o va a scuola o fa’ turni anche di notte. Poi NON sono d’accordo con i tre pasti al gg devono essere 5 altrimenti iniziamo ad andare in protezione e si accumula. Io ho perso gia 8 kg senza nessuna fatica e senza orari imposti e concedendomi con criterio un giorno libero a settimana.

    Rispondi a questo commento
  7. Gabriele

    Ott 22. 2015

    Buongiorno a tutti, io sono del parere che gli eccessi in ogni modo non vanno bene! I Kg in eccesso vanno persi con il tempo necessario , senza diete drastiche o medicinali vari che sono solamente specchietti per le allodole… appena molli li ripigli tutti!!! Già se uno riducesse gli zuccheri semplici, i fritti e i grassi (assunti quasi sempre in eccesso rispetto alle dosi necessarie) avrebbe risolto un bel po’ di problemi.
    Ridurre anche il consumo di carne formaggi e altri grassi animali contenenti grassi saturi, aumentando il consumo (sempre nelle giuste dosi) di cerali lugumi frutta e verdura (allergie permettendo ovviamente), iniziare a praticare regolarmente attività fisica e vivremo sicuramente meglio e piu’ a lungo!!!
    Insomma cambiare le brutte e cattive abitudini fin da subito!
    Un corpo ci è stato dato dal buon Dio, prendiamocene cura con intelligenza!
    Buona vita a tutti!!!
    PT gabriele da La Spezia

    Rispondi a questo commento

Lascia un commento