Test del capello per verificare la salute del nostro corpo, la predisposizione ad ammalarci e perdere peso

Il nostro corpo contiene moltissimi minerali. Essi svolgono molte funzioni, ma il loro ruolo principale è quello di far lavorare correttamente cellule, tessuti e organi.

La famosa “dieta del capello” si basa sul test del Mineralogramma. Il Mineralogramma, conosciuto anche come Mineral Test o esame del capello per la ricerca dei minerali tessutali è un test effettuato sui capelli atto a fornire una notevole quantità d’informazioni in modo rapido e a basso costo.

Il mineralogramma è un test non invasivo che serve a verificare la concentrazione nell’organismo dei principali minerali (oligoelementi) e a capire prima di tutto se il nostro corpo contiene questi minerali nelle giuste quantità e se sono presenti metalli tossici, come il piombo, l’alluminio, il mercurio e alcuni altri altrettanto dannosi.

Il test mineralogramma si effettua tramite il capello perché è un tessuto molle che, a differenza di altri come per esempio le ossa, trattiene dieci volte di più i minerali e i metalli presenti nell’organismo. Se un minerale manca nel capello, infatti, manca nell’intero organismo.

Come già accennato, il Mineralogramma ci svela innanzitutto il preciso equilibrio dei minerali presenti nei nostri tessuti, e attraverso specifici rapporti assunti dai minerali tra di loro, l’esame ci fornisce anche informazioni sull’intero stato di salute del nostro organismo e sulla predisposizione ad ammalarci. Il Mineralogramma ci fa comprendere inoltre la nostra tipologia metabolico-ossidativa, consentendoci in tal modo, la messa a punto della dieta dimagrante migliore.

Il test del Mineralogramma, la procedura

Il mineralogramma viene generalmente effettuato su un campione di capelli in quanto, secondo le fonti che lo “sponsorizzano”, l’analisi effettuata su altri reperti (unghie, peli pubici o ascellari ecc.) potrebbe risultare meno accurata. Il campione dovrebbe venire prelevato dalla regione retro-nucale.

Il taglio di capelli dovrebbe essere eseguito dopo almeno quattro ore dall’ultimo lavaggio, ma possibilmente non più di venti ore dopo. È necessario che, al momento del taglio, i capelli siano perfettamente asciutti; i laboratori consigliano inoltre di utilizzare la parte più vicina allo scalpo; la lunghezza dei capelli che verranno utilizzati deve aggirarsi sui 3-3,5 cm circa. Il campione ideale dovrebbe essere composto dall’insieme di ciocche prelevate da più punti.

I laboratori generalmente specificano che sono diversi i fattori che possono influenzare la lettura del mineralogramma (bagni in piscina, shampoo, tinture, decolorazioni, permanente ecc.). Il metodo generalmente utilizzato per l’esecuzione del mineralogramma è la spettrometria ICP-AES (Inducted Coupled Plasma – Atomic Emission Spectrometry).

In prima battuta, il campione di capelli viene ridotto in piccolissime parti, pesato e fatto sciogliere in una soluzione acida per rimuovere la cheratina; viene poi eseguita una reidratazione del campione che viene infine bruciato a temperature che oscillano tra gli 8.000 e i 10.000 °C; a queste temperature, infatti, i minerali emettono luci specifiche a lunghezza d’onda.

Perché analizzare i minerali?

I minerali che sono studiati con questo esame sono: calciomagnesiopotassio e sodio.

Analizzare i minerali nel corpo è importante per testare lo stile di vita e lo stato di salute dell’individuo, compresa la sua dieta alimentare, in quanto queste sostanze restano incorporate nei capelli per tutta la durata del loro ciclo di crescita. L’organismo non tollera carenze ed eccessi di minerali poiché queste situazioni potrebbero portare a uno scompenso funzionale, che può provocare patologie di difficile accertamento.

Secondo i creatori della dieta del Mineralogramma, questo tipo di analisi – studiando anche il legame tra i vari minerali – può dare utili indicazioni sullo stato di salute dell’individuo e sul metabolismo, ovvero sul come il nostro corpo produce e brucia energia, ma anche sulle tendenze emozionali, sull’attività delle principali ghiandole endocrine e, infine, anche un calcolo statistico sulla predisposizione a determinate patologie esclusivamente legate ai nutrienti.

Vantaggi della “dieta del capello”

Come riportato dall’OMS, nel 2005, l’analisi minerale tissutale, se svolta in laboratori efficienti, è uno strumento utile per la rilevazione dei minerali presenti nel nostro corpo. Questi nutrienti hanno un ruolo molto importante per il nostro organismo perché regolano praticamente tutte le funzioni corporee. Fare uno screening, individuando determinati deficit, è un primo step per ritrovare il benessere con la alimentazione.

A chi è consigliato il Mineralogramma?

A chi sente l’esigenza di affrontare l’argomento “salute” in modo naturale ma scientifico, in base a un’analisi attendibile e a un metodo basato sul ripristino delle corrette funzioni biochimiche del corpo. Il mineralogramma permette di:

  • ritrovare energia e forza
  • migliorare il metabolismosuperare i forti periodi di stress fisico o emotivo
  • prevenire l’insorgere di disturbi specifici
  • ritrovare la forma e la linea
  • superare i momenti di ansia e depressione
    .

Nessun commento.

Lascia un commento