Abbandono dei cani d’estate, una guida per aiutare gli animali

cane abbandonato
Estate: mare, vacanze, caldo, divertimento. Ma per alcuni animali l’estate è invece sinonimo di abbandono, pratica riprovevole contro la quale, per fortuna, si muovono con efficacia privati e associazioni che hanno a cuore il benessere dei quattro zampe.
L’abbandono dei cani d’estate è un comportamento crudele da porta inevitabilmente alla loro morte: molti preferiscono la vacanza piuttosto che la salvaguardia di quell’esserino che una volta era componente della famiglia!  Fortunatamente non tutti sono così crudeli, anzi molti vorrebbero fare qualcosa di concreto per aiutare i cani abbandonati. Ecco una guida per permettervi di gestire un caso di abbandono.


Come aiutarli?
Ognuno di noi, nel suo piccolo dovrebbe collaborare a segnalare l’abbandono di animali quando se ne vede uno e proprio per questo, sono stati messi a disposizione del cittadino non solo il classico numeroverde, ma anche delle applicazioni per tablet, Iphone e iPad,che potreste scaricare in maniera estremamente semplice (lo dovremmo fare tutti!). Ognuno di noi, quindi, in tempo reale potrà segnalare la presenza di un animale abbandonato (o anche filmare il gesto dell’abbandono da parte del padrone nel caso in cui, per puro caso, lo state assistendo).
In alternativa basta chiamare il classico numero verde 800 253608 o il 1515 e riferire tutti i parametri agli operatori addetti Inoltre sono sempre di più le associazioni che nascono con lo scopo di salvaguardare la salute fisica e psichica degli animali dopo l’abbandono (bisogna tener presente che se si tratta di un cane, nonostante l’abbandono, gli mancherà enormemente quel padrone che considera comunque suo amico!) Basta tenersi sempre aggiornati sulle varie associazioni che nascono e prendere nota deinumeri di telefono, soprattutto in estate, quando cioè le linee di determinate associazioni o numeri verdi possono essere intasate Provate su tutti quelli che conoscete fino a trovare un operatore che salverà la vita a quel povero animale.
Essere testimoni di un maltrattamento di un animale non comporta l’obbligo giuridico di segnalarne il sopruso; piuttosto a riguardo potremmo parlare di dovere morale, soprattutto se pensiamo che gli animali non hanno alcun modo per tutelarsi da soli, nè di denunciare quanto accaduto.
Sarà la nostra voce a rendergli giustizia.

Come segnalare l’abbandono o il maltrattamento
Attualmente il maltrattamento degli animali è un reato perseguibile per Legge e punito con la reclusione sino a 15 mesi e una pena pecuniaria da 3.000 € a 18.000 €,
L’ iter da seguire per denunciare il maltrattamento su animale è molto semplice.
Innanzitutto è necessario presentare una denuncia ad un organo di Polizia Giudiziaria, sia esso identificato nei Vigili Urbani, nei Carabinieri, nella Guardia di Finanza, nella Polizia o nella Guardia Forestale; questo perché tutti gliorgani di Polizia Giudiziaria sono i referenti per i reati ditutela dell’ambiente o degli animali.

Può interessarti | iPhone App per segnalare cani abbandonati e smarriti

E’ possibile presentare la denuncia personalmente o a mezzo di telefono. Alcune associazioni hanno anche istituito dei numeri a cui è possibile mandare un sms.
Qualora decidiate di presentare denuncia scritta, è bene sapere che non ci sono particolari restrinzioni: la denuncia va infatti presentata su un normale foglio di carta bianca, in cui si racconterà quanto visto. Se siete al corrente di eventuali altri testimoni, dovrete indicarne le generalità nella denuncia stessa. Affinchè la denuncia sia valida dovremo poi scriverci sopra le nostre generalità, il nostro indirizzo, la data e una firma leggibile. Una volta pronta, la denuncia andrà consegnata in un Ufficio di Polizia Giudiziaria.

Come capire che si tratta di un cane abbandonato?
I segnali che manda un cane che è stato lasciato sul ciglio della strada sono chiari, la coda sarà tra le zampe, tremerà vistosamente e sarà completamente spaesato. Cercate di essere il più delicati possibili nell’avvicinarlo, usate gesti e voce calma, dovete far si che si fidi di voi. Non rincorretelo per la strada, scappando potrebbe essere investito da un auto. Se avete con voi del cibo e dell’acqua cercate di avvicinarlo offrendoglielo, sarà il modo più semplice. Quando avrete conquistato la sua fiducia mettetegli un guinzaglio di fortuna o cercate di farlo salire in macchina per portarlo al canile più vicino.

Cosa fare se prendiamo il cane con noi?
C’è chi sceglie anche, generosamente, di tenersi con sé il cane abbandonato. Sarà pertanto vostra premura prestare i primi soccorsi, assicurandosi come prima cosa sulle condizioni igieniche in cui si trova il cane
Può interessarti | Come eliminare le pulci.

Un appello per tutti coloro che hanno un animale domestico e vogliono andare in vacanza:già da qualche anno abbiamo in varie regioni italiane spiagge attrezzate per accogliere i nostri amici a quattro zampe.
Può interessarti| Ecco l’elenco delle spiagge per cani

 

2 commenti su “Abbandono dei cani d’estate, una guida per aiutare gli animali”

  1. la lista delle spiagge sarebbe da aggiornare prima di divulgare notizie fasulle. Sono di Cagliari e in città è severamente vietato portare i cani in spiaggia. Soprattutto al Poetto!!!
    L’unica spiaggia (se così la vogliamo definire) che l’anno scorso è stata aperta ai cani è un angolino del littorale di Quartu S. Elena ma va sottolineato che qualche pescatore ha ben pensato di buttare esche avvelenate che hanno messo a grave rischio la vita di uno dei cani. L’esperimento non si sà se verrà ripetuto e fino a quel momento.. Cagliari non ha spiagge dedicate ai nostri amici a quattro zampe. VERGOGNOSO!!!

Lascia un commento