Bolletta enel: ma quanto mi costi?

Enel_04

Vi siete accorti che negli ultimi anni la bolletta elettrica è aumentata costantemente? Anche semplicemente guardando i servizi nei telegiornali, periodicamente assistiamo al servizio “previsti nuovi aumenti sulle bollette”. Purtroppo gli ultimi incrementi sono stati spacciati per aumenti dovuti al finanziamento delle rinnovabili. Tutta la verità in questo articolo.

Dunque è colpa delle fonti rinnovabili?

Infatti va considerato che il costo del petrolio è di fatto diminuito rispetto alla crisi degli anni scorsi, ma il costo energetico continua ad aumentare. Legambiente si è chiesta se fosse possibile che questo incremento fosse da imputare alle rinnovabili, e per questo ha suddiviso le varie voci di spesa della normale bolletta elettrica domestica, quella che abbiamo in casa tutti noi, per vedere dove vanno a finire i soldi.

Secondo i calcoli dell’associazione ambientalista, il 59,5% del costo di una bolletta va a coprire il costo delle fonti da cui quell’energia viene prodotta, dunque petrolio, carbone ogas (dunque niente rinnovabili).

Il 14% serve per coprire i servizi di rete, come la distribuzione, il 13,5% va in tasse e un altro 13% in “oneri di sistema” che nessuno ha ben capito cosa siano. Queste le voci che vanno a comporre la bolletta.

E allora quanto incidono le rinnovabili?

Eolico, solare ed il resto vengono finanziate da appena il 10% del totale della bolletta, ciò significa che non è vero che l’aumento dei finanziamenti alle rinnovabili porta ad un aumento dei costi, anzi, è esattamente il contrario, e cioè che se aumentano i costi inevitabilmente aumentano anche i finanziamenti alle rinnovabili, essendo espressi in percentuale.

Ma l’aspetto assurdo è che insieme a questo 10%, dalla bolletta energetica vengono sottratti anche un 2% che va alle cosiddette “fonti assimilate alle rinnovabili”, spacciate per rinnovabili, ma che in realtà sono discariche, inceneritori, raffinerie e persino impianti a carbone, mentre a tutto questo va aggiunto anche l’1,2% che, è destinato al nucleare. Non, per fortuna, alla costruzione di nuove centrali, ma allo smantellamento di quelle vecchie (in disuso da trent’anni) e alla ricerca.

Non ci resta che pagare….. come al solito!

Lascia un commento