Coltivare la mindfulness con i libri sulla meditazione

mindfulness

Avvicinarsi alla meditazione non è solo un modo per rilassare la mente e contrastare lo stress quotidiano, ma una saggia scelta di vita. In un mondo sempre più frenetico, bombardato di informazioni e stimoli fuori controllo, il rischio è quello di perdere il contatto con se stessi e di compromettere il proprio equilibrio psicofisico.

Perché la meditazione è così efficace per contrastare lo stress e soprattutto, come scegliere la tecnica più adatta per migliorare la propria qualità di vita? Infatti esistono molte tecniche di meditazione. Dalle tecniche di meditazione trascendentale alla meditazione tibetana, senza considerare l’ormai meditazione yoga resa accessibile anche ai principianti. Tutte queste tecniche hanno un fine comune: concentrarsi sul “qui e ora” per vivere il presente lavorando sullo sviluppo di una consapevolezza superiore. Certo, alcune tecniche di meditazione hanno connotazioni religiose o necessitano l’assunzione di particolari posizioni. Tra le tante tecniche di meditazione esistenti e non ancora citata, figura la mindfulness che pone le sue radici nelle basi della psicologia e nella tecnica di meditazione buddista e sulla filosofia Zen.

Mindfulness: cos’è?

Il termine “mindfulness” può essere tradotto come “consapevolezza” che è il fine ultimo di questa tecnica. La mindfulness altro non è che un processo psicologico atto a portare l’attenzione sul proprio vissuto interiore e su ciò che si verifica nel momento presente.

Come si pratica?

Come si praticano le tecniche di meditazione mindfulness?
Il primo consiglio è quello di adottare un approccio graduale, attraverso un esercizio di costanza e disciplina. Pretendere risultati eclatanti, o avere l’ambizione di rivoluzionare la propria vita dopo poche sessioni di esercizi non è, come evidente, l’approccio ideale.

La crescita interiore e lo sviluppo dell’autoconsapevolezza promesse dalla pratica mindfulness sono una conquista lenta, da affrontare a piccoli passi. In questo senso, i libri sulla meditazione rappresentano uno strumento utile per gettare le basi di questo percorso.

All’indirizzo ilgiardinodeilibri.it è disponibile una rassegna completa di titoli dedicati alle varie forme di meditazione mindulness, con consigli pratici per familiarizzare con le pratiche più efficaci per raggiungere l’equilibrio interiore.

Meditazione e respirazione

L’attitudine alla meditazione è innata in ciascuno di noi, per quanto minacciata dalle nostre abitudini di vita. Seguendo i consigli giusti, ritrovare la capacità di meditare e di applicare le tecniche mindfulness nella vita quotidiana, non è impossibile. Per raggiungere questo obiettivo è possibile attingere a varie tecniche di meditazione che promuovono lo sviluppo della coscienza e la ricerca del benessere psicofisico.

Al di là degli insegnamenti specifici, le varie tradizioni condividono alcuni presupposti fondamentali per perseverare lo stesso fine. Tra questi presupposti c’è l’importanza attribuita alla respirazione, elemento che contribuisce in maniera determinante al nostro equilibrio fisico e mentale.

Troppo spesso una respirazione superficiale ci allontana da noi stessi. Al contrario, una respirazione profonda, in grado di ossigenare bene tutti i tessuti del nostro organismo, è la base perfetta per la pratica della meditazione mindfulness.

A prescindere dalla tecnica di meditazione utilizzata, raggiungere un buon livello di concentrazione è fondamentale per apprezzare i benefici della meditazione e per questo bisogna partire dal respiro.

Esercizi di meditazione

Non basta accendere un bastoncino di incenso o scegliere un sottofondo rilassante per azzerare gli stimoli esterni e neutralizzare il chiacchiericcio interiore: assumere la posizione corretta e praticare con regolarità sono tra gli accorgimenti utili per ottenere risultati soddisfacenti, così come allenare la pazienza e rinunciare progressivamente ad alcune abitudini poco utili, come ad esempio l’uso compulsivo del telefonino.

Lo smartphone ci bombarda costantemente di nuovi stimoli, allontanandoci ulteriormente dal nostro sentire interiore. Gli esercizi di mindfulness, invece, ci spingono verso l’introspezione allontanandoci dai frenetici stimoli esterni.

Perché la meditazione risulti davvero efficace è importante adottare un approccio olistico e riequilibrare progressivamente le proprie abitudini di vita. Migliorare la qualità dell’alimentazione, ad esempio, è fondamentale per raggiungere un livello di benessere completo. Tra gli esercizi Mindfulness da fare fin da subito, al prossimo pasto, perché non soffermarsi ad assaporare ogni singolo boccone? Concentrarsi sulla masticazione e sul presente, tenendo conto del principio qui e ore, ascoltare il corpo che oscilla dal senso di fame al senso di sazietà di fine pasto! Anche questa è meditazione mindfulness!

Come meditare

I libri specializzati, corredati di cd e altri supporti dedicati, offrono tutti i consigli utili per approcciarsi facilmente alle tecniche di meditazione più famose, spaziando dal Kundalini Yoga alla meditazione tibetana. Attraverso esercizi pratici di facile approccio è possibile familiarizzare un po’ alla volta con le tecniche di respirazione e di rilassamento, acquisendo l’atteggiamento giusto per entrare in contatto con la propria spiritualità e con le proprie energie latenti.

Dalla recitazione dei mantra alla meditazione sui Chakra, l’importante è non improvvisare e sviluppare le competenze in modo progressivo. Il fine ultimo della meditazione, del resto, non è quello di sviluppare dei superpoteri, ma rispettare la propria natura innata e sperimentare uno stato di benessere e di armonia più completo.

Lascia un commento