Come curare la Dalia, la guida completa

cure dalia

Come curare la Dalia: tutte le istruzioni sulla coltivazione della dalia. Dalle malattie ai lavori di manutenzione. Trattamenti, varietà da prediligere, divisione dei cespi, moltiplicazione, messa a dimora…

Informazioni a 360° su come avere fiori splendidi e dalie sane dall’estate all’autunno.

Divisone dei cespi di Dalia

La messa a dimora delle dalie, come spiegato nell’articolo dedicato alla coltivazione della dalia in vaso o in giardino, si attua in primavera. Prima di procedere con la messa a dimora della dalia in vaso, potete dividere i vecchi cespi che sono costituiti da tuberi che aumentano di numero anno dopo anno. E’ sconveniente comprare ogni anno dei nuovi tuberi di dalia quando si può provvedere al recupero e alla divisione dei cespi: anno dopo anno le vostre dalie diventeranno sempre più numerose quindi potete approfittarne per regalare questo fiore in vaso ad amici e parenti o per creare nuove aiuole di dalia nel vostro giardino.

La moltiplicazione avviene in automatico. Ecco come procedere per ottenere più piante di dalia dai vecchi cespi, questa operazione va eseguita in tarda primavera, quando le temperature sono almeno tra i 18-20 °C.

  1. Sviluppo delle gemme
    Sistemate i cespi di dalia in una cassetta riempita con terriccio umido. Ponete la cassetta al sole per 15-20 giorni così da favorire la comparsa delle gemme che si formeranno nella zona in cui si uniscono i tuberi, appena sotto ai vecchi fusti delle dalie.
  2. La divisione
    Le verdi gemme spunteranno all’altezza dei vecchi fusti, nel punto di giunzione dei due tuberi. Quando si saranno formate, dividete il cespo in più parti: ogni parte dovrà avere almeno una porzione del vecchio fusto, una o due gemme e uno o due tuberi.
  3. La messa a dimora delle dalie 
    Dopo aver diviso i cespi, provvedete a mettere a dimora i tuberi interrandoli in posizione soleggiata, in un terreno fertile e ben drenato, facendo in modo che la gemma si trovi a circa 2 – 3 cm di profondità.

La coltivazione della Dalia in vaso

Analogamente a quanto detto nel punto 3, la messa a dimora della dalia può avvenire in vaso o in giardino (piena terra). Se intende coltivare la dalia in vaso, è importante scegliere un terriccio fertile e ben drenato, il vaso dovrà essere abbastanza capiente da poter accogliere tutta la lunghezza del tubero e poter garantire una profondità di circa 2-3 cm alla gemma.

Le cure da dedicare alla dalia

  • Dalia, l’esposizione

Curare una dalia è un compito semplice che parte dalla giusta scelta dell’esposizione. L’esposizione ideale per la Dalia è soleggiata, una dalia posto all’ombra potrebbe mostrare una fioritura incompleta o non fiorire affatto.

  • Dalia, le malattie 

Le infezioni precoci di Oidium erysiphoides sulla dalia (parliamo della comune infezione da funghi), più comunemente chiamata Oidio o mal bianco, può essere contrastata ricorrendo a un trattamento fogliare con zolfo bagnabile-80, ammesso in agricoltura biologica. In alternativa è possibile acquistare un Fungicida polivalente pronto all’uso da irrorare direttamente sulla pianta. Vi consigliamo di eseguire un secondo trattamento dopo una decina di giorni se le macchie farinose del fungo sono presenti anche sulle foglie appena prodotte.

Un’altra infestazione che potrebbe compromettere la vostra coltivazione di dalie è quella del ragnetto rosso. A questo proposito vi rimandiamo al nostro articolo dedicato ai rimedi per il ragnetto rosso.

  • Come prolungare le fioriture di dalia

Per allungare i tempi di fioritura e permettere ai tuberi di non sprecare inutilmente energie, vi consigliamo di mantenere un’esposizione soleggiata (scegliete accuratamente la posizione in cui coltivare la dalia), di non dare spazio alle malattie e di eliminare con regolarità le corolle appassite. Lasciate intatto il fogliame che deve seccare spontaneamente.

  • Quando togliere i tuberi di dalia dal terreno

Tra le cure da destinare alla dalia vi è la precauzione di rimuovere i tuberi dal terreno quando la pianta deve affrontare il riposo vegetativo. Chi abita nel Meridione d’Italia può lasciare interrati i tuberi di dalia che riprenderanno spontaneamente la fioritura nella stagione successiva, tuttavia, anche in questo caso, se volete allestire nuove aiuole o moltiplicare la dalia, vi consiglio di seguire le istruzioni del paragrafo dedicato alla divisione dei cespi di dalia.

coltivare dalia

Chi abita in zone a clima rigido (Centro e Nord Italia), a fine autunno dovrà estrarre dal terreno i tuberi, ripulirli dalla terra e scartare quelli rovinati. Lasciare asciugare i tuberi in un luogo buio e ben aerato per almeno una decina di giorni, poi disponeteli a strati in cassette con sabbia asciutta o segatura. Riponeteli al riparo da luce e umidità e poi provvedete alla nuova messa a dimora.

Generalmente le Dalie vanno piantate tra fine marzo e maggio, nelle regioni più fredde. La distanza tra i tuberi dipende dalla specie e varia dai 30 ai 70 cm per le dalie giganti.

Nei climi più freddi è consigliabile piantare i tuberi approssimativamente 10-15 cm sotto il livello del terreno per favorirne la protezione dalle gelate tardive.

  • Irrigare la dalia 

L’irrigazione della dalia deve essere operata con cautela: in caso di siccità irrigate tutti i giorni ma facendo attenzione a non bagnare fiori e foglie.

  • Altre cure da destinare alla dalia

La dalia è un’ottima pianta per aiuole ma bisognerà mantenere aiuole e bordure pulite dalle piante infestanti operando il diserbo manuale. Anche in caso di dalia in vaso il diserbo dovrà essere manuale.

Per prevenire lo sviluppo di erbacce/infestanti, stendete sul terreno uno strato di scaglie di corteccia dallo spessore di 7 – 8 cm, molto comodo in caso di aiuole! Questo materiale manterrà il suolo fresco e umido e abbasserà le cure da destinare alla dalia.

Le varietà di Dalia, quale fiore scegliere?

Esistono diverse varietà e specie di Dalia, quindi non è facile rispondere alla domanda Quando fiorisce la dalia?

Un’ottima idea potrebbe essere quella di coltivare diverse specie di dalia così da avere fioriture fino in tardo autunno. La dalia fiorisce da luglio a novembre grazie alle diverse specie esistenti, queste variando in colore, forma dei fiori e dimensioni.

Le cultiva vengono divise in due categorie: quelle nane, che crescono fino a 20-50 cm, con corolle semplici o doppie e le dalie giganti, varietà che possono raggiungere l’impressionante altezza di 1.7 m, con fiori grandi e appariscenti.

Tra le varietà giganti di Dalia ve ne sono diversi tipi:

  • decorative a grandi fiori, le cui corolle arrivano a 30 cm di diametro;
  • a cactus e semicactus con fiori caratterizzati da petali lunghi, stretti, appuntiti e spesso curvi, disposti in modo da dare l’impressione di una girandola;
  • a pompon con infiorescenze piccole, sferiche e fiorellini disposti in modo simmetrico;
  • a collaretto, con due ordini di fiorellini, quelli esterni larghi e distesi e quelli interni sottili e molto più corti;
  • a fiore semplice, dall’aspetto simile a quello delle margherite.

Le infiorescenze, come abbiamo visto, hanno forme molto diverse e colori che vanno dal bianco al giallo al rosa al rosso all’amaranto.

Le varietà nane sono altrettanto belle e possono essere particolarmente adatte per gli angoli fioriti in casa o per giardini rocciosi. Se avete intenzione di allestire un giardino roccioso, la dalia più adatta è la specie più piccola, la dalia nana, parliamo della Dalia merckii

Dalia, il significato di questo fiore

Ti hanno regalato una pianta di Dalia? Ecco il suo significato!
Nel linguaggio dei fiori, è simbolo del “presagio” e di riconoscenza; fra innamorati, è un anticipo di dichiarazione d’amore. La dalia simboleggia il buon gusto e tra amici o conoscenti si dona solitamente per esprimere gratitudine.

Le origini della Dalia: dalla cucina al fiore
La Dalia è il fiore nazionale del Messico dove è stata osservata la prima volta nel 17° secolo, ben 200 anni prima che fosse coltivata in Europa. Coltivata inizialmente come fonte di cibo grazie ai suoi ricchi tuberi, diventò rapidamente un fiore gradito ai ricchi per la sua particolare bellezza.

Altre informazioni sulla coltivazione della Dalia

Per tutte le altre informazioni sulla coltivazione, le cure e le varietà della Dalia, vi rimandiamo all’articolo Come coltivare la dalia in vaso o giardino.

Se avete altri dubbi circa le malattie e la coltivazione della dalia, potete porre il vostro quesito in un commento, la nostra redazione vi risponderà appena possibile!

4 commenti su “Come curare la Dalia, la guida completa”

  1. Ho comprato una pianta di dalie già fiorita,ma i nuovi boccioli si seccano subito e le foglie si stanno ammosciando.Cosa devo fare?

  2. ho capito che le dahlie vanno cimato quando sono circa 25/30 cm d’altezza non ho cpito bene se vanno cimati dopo anche le crescite latterali?

  3. Salve. Ho due piante di Dalia in vaso,una rosa una gialla, sono qll piccole,ma da circa una settimana dei bruchi verdi me le stanno distruggendo. Vorrei, se possibile, un aiuto qnt prima x poterle salvare. Grazie mille

    • Ciao Patrizia, se i bruchi stanno mangiando le foglie, potrebbe essere più “conveniente” asportarli fisicamente. Prova a controllare bene il terreno o sotto la lamina delle foglie di dalia e togli i bruchi (spostali in un altra zona del giardino dove non possono dare danni)…. in alternativa potresti usare un pesticida ma te lo sconsiglio. In genere anche solo 2 – 3 bruchi possono mangiare tantissime foglie, quindi meglio armarti di un po’ di pazienza ed eliminarli meccanicamente!

Lascia un commento