Come risparmiare sul riscaldamento

come risparmiare sul riscaldamento

Come risparmiare sul riscaldamento? Sono in molti all’arrivo dell’inverno a chiedersi come tenere la casa al caldo, senza spendere eccessivamente. Ecco quali sono i consigli per risparmiare sul riscaldamento della casa.

Quando arriva il freddo non si può fare a meno di accendere i riscaldamenti. Purtroppo i consumi possono essere al quanto onerosi e potrebbe essere difficile risparmiare sul consumo di gas, legna o pellet. Ci sono però alcuni accorgimenti utili che permettono di consumare meno, mantenendo al contempo la casa più calda e accogliente.

I materia di riscaldamenti a gas, alcuni utili consigli sono stati forniti da ENEA, l’Agenzia nazionale per l’energie e lo sviluppo economico sostenibile. Alcune di queste regole, si adattano comunque anche a chi ha un sistema di riscaldamento con conduzione di calore derivante dal pellet o dalla legna.

Ecco come risparmiare sul riscaldamento e riscaldare la casa in modo più efficente.

Manutenzione e controllo degli impianti

Per riuscire a risparmiare sul riscaldamento una delle prime cose da fare prevede una corretta manutenzione degli impianti. La caldaia che sia alimentata a gas, o tramite il calore della legna o del pellet, deve comunque essere controllata costantemente, al fine di non spendere troppo e sopratutto per limitare l’inquinamento.

Per quanto riguarda la caldaia funzionante a gas, bisogna seguire una precisa regolamentazione, oltre che effettuare sempre la manutenzione prevista dal DPR 74/2013. Se non si effettua la giusta manutenzione e non si controllano le emissioni di CO2 della caldaia si rischia una multa a partire dai 500 euro.

Inoltre, se non si controlla l’efficenza della caldaia si rischia che questa non funzioni in modo ottimale, portando così i radiatori a funzionare male e a riscaldare poco, consumando comunque la stessa quantità di gas.

Valvole termostatiche: per mantenere costante la temperatura

come risparmiare sul riscaldamento

Secondo il Decreto Legislativo n.102/2014 e la direttiva 2012/27 dell’Unione Europea sull’efficienza energetica è obbligatoria l’installazione di sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione dei consumi e della temperatura. Uno dei sistemi applicabili sono le valvole termostatiche. Queste aprono e chiudono la circolazione dell’acqua calda nel termosifone permettendo a quest’elemento di mantenere costante la temperatura che è stata impostata precedentemente.

Come risparmiare sul riscaldamento: il controllo della temperatura

Una regola molto importante prevede che si controlli costantemente la temperatura con l’utilizzo di appositi termostati. I termostati permettono sia di regolare la temperatura sia l’accensione e lo spegnimento dei termosifoni e degli altri elementi di riscaldamento.

Come riportano alcuni studi, riscaldare eccessivamente la casa fa male alla salute. In quanto un ambiente troppo caldo favorisce la crescita e la proliferazione di germi e batteri. Inoltre secondo la normativa, le case non dovrebberò mai superare i 22 gradi interni, nel periodo invernale. Anche se il massimo consentito prevede una temperatura di 22°, in realtà sarebbe ottimale mantenere in casa sempre una temperatura massima di 19 gradi.

Impostando la temperatura a 19° è possibile risparmia sino al 30% sui consumi di combustibile. Inoltre con il termostato, oltre al controllo della temperatura è possibile anche accendere i termosifoni a seconda degli orari in cui fa più freddo, spegnendoli nel momento in cui invece fa più caldo.

Schermare le finestre durante la notte

D’inverno bisognerebbe sempre mantenere le finestre e le persiane aperte durante il giorno favorendo l’ingresso della luce dentro casa. In questo modo si migliora anche la temperatura interna dell’abitazione.

La sera invece si dovrebberò chiudere tutte le persiane e le tapparelle e utilizzare inoltre delle tende pesanti che possano ridurre le dispersioni di calore verso l’esterno dell’abitazione.

Una volta che le finestre saranno schermate, per evitare l’ingresso di spifferi e di aria fredda dalle finestre, si consiglia di utilizzare dei paraspifferi per le porte e le finestre.

In molti utilizzano i radiatori per asciugare abiti e la biancheria, purtroppo quest’abitudina rischia di essere una fonte di sprechi, oltre che a portare un eccessivo consumo di combustibile per il riscaldamento.

Infine, un piccolo trucco per evitare le dispersioni di calore prevede l’installazione di pannelli riflettenti tra il muro e il termosifone. In questo modo il calore non si disperde nel muro e riesce a irradiare calore all’interno della stanza.

Come risparmiare sul riscaldamento: apportando modifiche strutturali

Ci sono alcuni lavori di restaurazione che permettono di rendere la casa più calda durante il periodo invernale e più fresca d’estate.

Si consiglia sempre di applicare un cappotto termico per coibentare le pareti della casa, in questo modo è possibile risparmiare notevolmente sul riscaldamento. Inoltre il cappotto impedisce le aggressioni da parte della muffa e dell’umidità alle mura dell’abitazione.

Oltre al cappotto termico, si consiglia di optare sempre per sistemi di riscaldamento ecosostenibili che possano far risparmiare sul consumo di gas.

Ad esempio le caldaie a Pellet o a Legna sono ideali per riscaldare tutta la casa, anche con l’ausilio di appositi radiatori, e al contempo risparmiare sul costo della bolletta del gas.

Infine per risparmiare sul riscaldamento, oltre a effettuare un apposito cappotto termico, e ad utilizzare caldaie più nuove, moderne ed eco-sostenibili, si consiglia sempre di controllare lo stato degli infissi. Se gli infissi sono vecchi, degradati e favoriscono il passaggio degli spifferi, questi dovrebbero essere cambiati.

Categorie Guide

Lascia un commento