La Centrale di Trapani si rinnova e diventa più ECO

La centrale termoelettrica si trova nelle campagne di Trapani, nelle vicinanze della costa marittima e occupa un’area di 9,2 ettari. Si tratta di uno dei primi siti industriali della Sicilia.

Le Tecnologie della Centrale Elettrica E.ON di trapani riducono le emissioni nocive, aumentano le produzioni e aumenta l’efficienza. Ad occuparsi del rinnovo è stata la divisione Power Generation Services di GE che ha annunciato un importante progetto di upgrade della centrale elettrica di Trapani di proprietà di E.ON Produzione S.p.A. Si tratta di un impianto che svolge un ruolo determinante nella stabilizzazione della rete elettrica tra la regione Sicilia e il resto d’Italia. Le due turbine a gas 9B, ormai trentennali, saranno ammodernate con i modelli GE 9E dotati di tecnologia Dry Low NOx (DLN) in un’ottica di riduzione delle emissioni e miglioramento dei livelli di efficienza.

Centrale di Trapani, Image Credits e.on Italia

Il progetto di upgrade è stato annunciato ieri durante un evento a Milano a cui sono intervenuti rappresentanti di GE ed E.ON e il VicePresidente e Assessore all’Industria, artigianato, edilizia e cooperazione della Regione Lombardia, Andrea Gibelli, che è stato accolto da Sandro De Poli, presidente e Amministratore Delegato di GE in Italia e da Miguel Antoñanzas, Presidente e Amministratore Delegato di E.ON Italia.

L’upgrade effettuato da GE permetterà di aumentare dai rispettivi 85 e 89 megawatt di potenza attuali ai 107,8 megawatt per singola unità, con una temperatura di fiamma superiore, nuove caratteristiche di tenuta, nuovi alloggiamenti per lo statore del compressore e nuovi rotori, generatori e un innovativo sistema di combustione DLN 1.

E.ON si è rivolta alla divisione Power Generation Services di GE alla ricerca di una soluzione che assicurasse una capacità operativa in linea con i nuovi limiti regionali in tema di emissioni.  Una volta completato, il progetto posizionerà la centrale di Trapani quale punto di riferimento e collegamento per la continuità della rete elettrica regionale, promuovendo opportunità di sviluppo industriale locale.

Questo progetto consentirà il rinnovo delle due unità alimentate a gas, sostituendo alcuni componenti primari delle turbine della centrale di Trapani”, ha spiegato Miguel Antoñanzas, Presidente e Amministratore Delegato di E.ON Italia.“Una volta completati i lavori, la nostra struttura beneficerà di capacità superiori, di maggiore efficienza e di minor impatto sull’ambiente.

Gibelli ha enfatizzato l’importanza per le utility di operare in conformità con i sempre più stringenti requisiti ambientali regionali, affermando:

La ricerca e l’innovazione in ambito energetico è considerata da Regione Lombardia essenziale per integrare uno sviluppo sostenibile ad un miglioramento della competitività del sistema produttivo lombardo.Infatti, il settore “Energia, fonti rinnovabili ed assimilate” è stato inserito tra i 10 settori strategici individuati in accordo col MIUR per il bando di ricerca industriale ed innovazione sperimentale.  Contemporaneamente la Regione sta dando seguito alla fase 3 del Progetto TREND ((Tecnologia e innovazione per il Risparmio e l’efficienza ENergetica Diffusa): un’azione d’accompagnamento alle PMI, al fine di individuare, incentivare e sostenere interventi volti al risparmio energetico e alla produzione di energia tramite il ricorso a fonti energetiche alternative. Accanto a tali misure, è altrettanto importante il ruolo di aziende, come GE che investono in tecnologie flessibilie ed efficienti per ridurre le emissioni.

 “Nell’attuale mercato energetico italiano, le utility sono alla ricerca di soluzioni capaci di fornire più efficienza, flessibilità operativa in modo economicamente conveniente”, ha evidenziato Mario Cincotta, GM Sales – West Europe,  Power Generation Services .  “Le utility operano in un mercato elettrico e in uno scenario normnativo tra i più avanzati d’Europa in termini di salvaguardia ambientale e limiti di emissioni. Considerata la complessità e la portata del progetto, E.ON ha riposto tutta la sua fiducia nelle competenze tecnologiche di GE e nel consolidato rapporto di collaborazione per il suo sviluppo e la sua esecuzione”.

La tecnologia DLN messa a punto da GE aiuta gli operatori di turbine a gas a rispettare le limitazioni di emissioni in Europa e in tutto il mondo. Le soluzioni DLN consentono alle turbine a gas di funzionare a livelli di potenza inferiore durante i periodi di bassa richiesta energetica, consumando meno combustibile e aiutando a ridurre i costi operativi degli impianti.  Questa tecnologia si basa su decenni di innovazione GE nelle tecnologie di combustione, con oltre 700 combustori DLN di GE hanno totalizzato più di 23 milioni di ore operative su circa 800 unità installate in tutto il mondo.

Il progetto sarà avviato nel terzo trimestre del 2012 e concluso, secondo le previsioni, entro il 2013. I Punti salienti:

  • Due turbine a gas 9B ammodernate al modello 9E per migliorare le performance operative
  • La centrale elettrica di Trapani svolge un ruolo chiave per la stabilizzazione della rete distributiva tra la Sicilia e il resto del Paese
  • Il progetto di Trapani è parte di una più ampia iniziativa di GE ed E.ON

Lascia un commento