La cocaina sta devastando la Foresta Pluviale

La cocaina non solo nuoce alla salute dell’uomo ma anche a quella dell’ambiente. A causa delle grosse coltivazioni di Coca, la biodiversità dell’intero pianeta è minacciata. In più, le piantagioni di coca incrementano il fenomeno del disboscamento della foresta pluviale Colombiana.

L’estese piantagioni di Coca, la pianta dalla quale si ricava la cocaina, stanno accelerando la distruzione delle foreste pluviali colombiane, il fenomento è destinato a peggiorare proprio perché si stanno progettando ulteriori impianti per la coltivazione di Coca; questi danneggeranno anche la biodiversità delle specie animali.

Credits | rain-tree.com coca

I risultati riportati sulla celebre rivista Environmental Science & Technology, sottolineano la necessità di stablire delle aree protette più grandi. Il ritmo della deforestazione in Colombia è aumentato vertiginosamente negli ultimi 20 anni, la crescita demografica è rallentata.

Nel 2000, la Colombia ha prodotto il 75% della cocaina presente sul mercato (nero e non) mondiale. Dal 2000 fino al 2005, le piantagioni di coca si sono estete annualmente di 150km quadrati.

La Foresta Pluviale Colombiana ospita circa il 10% della biodiversità vegetale e animale, dunque la deforestazione rappresenta una grave minaccia e potrebbe colpire le specie già a rischio che vivono nel territorio. La soluzione proposta è quella di estendere le aree protette del paese.

Via | stonybrook.edu/news

2 commenti su “La cocaina sta devastando la Foresta Pluviale”

Lascia un commento