Le isole minori italiane non sono sostenibili

isole minori

In Italia ci sono 27 isole minori abitate che vantano un mare cristallino e paesaggi davvero suggestivi. Tra queste isole ci sono anche Capri, Lampedusa, l’Isola d’Elba, le Tremiti, le Egadi e le Eolie. In estate queste isole sono meta di molti turisti attirati dal mare e anche dalla biodiversità presente.

Nonostante sembrino dei veri paradisi ricchi di natura rigogliosa, in realtà le cose non stanno in questo modo. Le isole in questione sono infatti tra i luoghi meno virtuosi in Italia dal punto di vista della gestione dell’ambiente.

Preoccupa lo scarso virtuosismo delle isole minori italiane

scarso virtuosismo

Le piccole isole abitate in Italia sono dei luoghi molto apprezzati dai turisti. In estate infatti queste isole sono meta di molti che vogliono godersi vacanze all’insegna del relax. A colpo d’occhio sembra che le isole vantino una natura in piena salute, ma le cose non stanno così. Negli ultimi anni le cose sono leggermente migliorate, ma comunque le isole minori italiane continuano ad avere seri problemi. A presentare un quadro completo in questo senso ci ha pensato il rapporto annuale “Isola sostenibili” realizzato da Legambiente e Cnr-Iia.

Energia elettrica, acque e rifiuti: tre problemi centrali

problemi

Dal dossier realizzato da Legambiente e Cnr-Iia è emerso che il problema principale riguarda la produzione di energia elettrica. Nell’ultimo anno non ci sono stati grandi miglioramenti in questo senso e infatti 20 isole su 27 non sono ancora interconnesse alla rete elettrica nazionale. In questi casi quindi l’energia sulle isole è prodotta da centrali termoelettriche alimentate a gasolio.

Nelle isole quindi non si sfrutta ad esempio l’energia prodotta naturalmente da vento e sole. Questa è una lacuna molto grande che dovrebbe essere superata. Il fotovoltaico infatti è presente in tutte le isole, ma lo è in maniera troppo esigua. Da solo infatti non produce abbastanza energia e quindi non risulta in grado di migliorare le cose.

Le acque sono un altro problema molto serio perché sono a grande rischio inquinamento. Il 40% delle isole infatti non depura gli scarichi prima che questi arrivino in mare.

In realtà esiste anche un problema serio per quanto concerne l’acqua potabile. Le isole minori in Italia si riforniscono di acqua potabile ancora con il trasporto dalla terraferma. L’acqua potabile quindi arriva grazie a navi cisterna in quanto gli impianti di dissalazione sono pochi oppure proprio non ci sono.

L’ultimo problema riguarda i rifiuti. Su questo fronte pare ci siano dei miglioramenti rispetto agli anni precedenti. Tra il 2010 e il 2019 infatti la raccolta differenziata è aumentata in modo importante. Sei sole (Capri, Elba, Maddalena, Pantelleria, Procida e Sant’Antioco) hanno una percentuale di raccolta differenziata maggiore rispetto alla terra ferma.

Lascia un commento