Quanta acqua e corrente consuma una lavatrice

Consumi della lavatrice

L’utilizzo della lavatrice vi genera brividi di terrore? Ogni qual volta vedete girare il cestello della lavatrice vedete girare con la stessa velocità anche il contatore dell’energia elettrica?

Forse è giunto il momento di svelare qualche informazione utile sui consumi effettivi di acqua e di energia elettrica della vostra lavatrice e in generale le regole di buon uso degli elettrodomestici di casa, e svelare altresì in che modo potete contenere i consumi, ottimizzando l’utilizzo di questo importante dispositivo e alleviando le sofferenze del vostro portafogli.

Consumi di energia della lavatrice

Cominciamo da offrirvi qualche utile spunto sui consumi energetici della lavatrice. Non tutti sanno infatti che per poter contenere l’assorbimento di energia dell’elettrodomestico è spesso sufficiente ridurre la temperatura dell’acqua: lavare a 40 gradi rispetto ai 60 gradi, determinerà infatti un risparmio di oltre il 25% sull’assorbimento energetico, visto e considerato che minore è la temperatura e minore sarà anche l’utilizzo della resistenza interna. Insomma, un primo “trucco” per poter contenere i consumi di energia è quello di lavorare con una minore temperatura di lavaggio, considerato che più è alta e più a lungo rimarrà accesa la resistenza interna che serve a scaldare l’acqua.

In tale ambito, molto dipenderà ovviamente anche dal luogo in cui è posizionata la lavatrice, e dal momento dell’anno in cui vengono effettuate le comparazioni (d’inverno l’acqua di ingresso è ovviamente più fredda).

Sancito ciò, evidenziamo come in media una lavatrice abbia una potenza minima di 1850 W e una potenza massima di 2700 W. Il suo consumo, piuttosto che all’utilizzo del motore, è determinato dal consumo di energia necessaria per scaldare l’acqua, come abbiamo brevemente condiviso nelle righe che precedono.

Detto ciò, per poter stimare i consumi di energia della lavatrice, cominciate dando uno sguardo all’etichetta energetica che indica la sua “classe”, divisa per lettere (gli elettrodomestici che appartengono alla classe A consumano meno energia rispetto a quelli contraddistinti da lettere inferiori). Nella stessa etichetta apparirà altresì l’indicazione di quanti kWh/anno l’elettrodomestico consuma in base a prove e durate di lavaggio standard.

Quanto consuma una lavatrice in euro

Per poter effettuare le stime, ricordate che nelle lavatrici la classe A corrisponde a un consumo di circa 250 kWh/anno: ipotizzando un costo medio dell’elettricità pari a 0,20 euro/kWh, la spesa annua per il suo utilizzo sarà di circa 50 euro.

Quando conviene fare la lavatrice: fasce orarie

Il costo dell’energia elettrica non è uguale in tutta la giornata. Di norma, nei momenti di maggiore picco delle richieste le tariffe sono portate a salire, mentre nelle ore in cui le richieste sono inferiori i costi energetici diminuiscono.

È anche vero che il mercato della libera concorrenza è oggi arricchito di numerose proposte tariffarie che spesso propongono un costo omogeneo per l’intera estensione della giornata, contrapposte ad altre che invece hanno costi molto frazionati a seconda del giorno e dell’orario.

Pertanto, se volete sapere a quanto ammonta il costo dell’energia elettrica per le diverse fasce orarie della giornata e, di conseguenza, scoprire quando convenga fare la lavatrice, date un’occhiata al contratto sottoscritto con il vostro fornitore.

In alternativa, potete fare riferimento ai prezzi biorari dell’Authority, che ha suddiviso i prezzi sulla base delle ore della giornata e dei giorni della settimana: sulla base di ciò, l’energia costa mediamente di meno dalle 19 alle 8 nei giorni della settimana (F2) e durante i fine settimana e i giorni festivi (F3), mentre costa di più dalle 8 alle 19 dal lunedì al venerdì (F1).

Consumi di acqua della lavatrice

Come noto, oltre a consumare energia elettrica, la lavatrice “assorbe” anche dell’acqua. Ma quanta è l’acqua assorbita per ogni lavaggio?

Consumo lavatrice

Come potrete ben immaginare, il volume di litri che vengono consumati dalla lavatrice dipende dalla tipologia di lavaggio impostata, e si aggira di solito tra un minimo di 50 litri e un massimo di 120 litri a intero ciclo di lavaggio, a seconda della sua capacità e del programma utilizzato, con una media di 15 litri per ogni fase di lavaggio.

Quanto costa fare il bucato?

Per poter stimare il consumo di acqua della lavatrice sarà sufficiente moltiplicare il numero di litri utilizzati per il costo al litro di acqua (trovate questo dato all’interno della bolletta dell’utenza a voi intestata per il servizio idrico).

Al costo dell’acqua andrà poi addizionato il costo in termini di elettricità spesa, in base alla propria tariffa. Esempio di calcolo:

  • Elettricità: con un costo medio dell’elettricità pari a 0,20 euro/kWh, la spesa annua per l’utilizzo sarà di circa 50 euro;
  • Acqua: con un costo medio dell’acqua pari a 0,0015 euro per litro, la spesa annua per l’utilizzo sarà di circa 45 euro.

Lavatrice o lavasciuga?

Nel corso degli anni anche il mercato italiano ha “ospitato” l’arrivo delle lavasciuga, particolari elettrodomestici che combinano le funzioni di lavaggio a quelle di asciugatura dei capi.

Ferma restando la comodità di poter disporre di simili funzioni all’interno di un solo elettrodomestico, con conseguente risparmio di spazio, è bene rammentare che le lavasciuga (e le asciugatrici) sono tra gli elettrodomestici che consumano in assoluto più energia elettrica! Il motivo è legato al fatto che la lavasciuga ha bisogno di molta energia per poter alimentare le resistenze elettriche che sono utilizzate per scaldare l’aria, e in parte anche per alimentare il motore elettrico che muove il cestello.

Da quanto sopra ne deriva che in fase di asciugatura la lavasciuga assorbe più o meno la stessa potenza che viene assorbita dalla lavatrice nella fase di riscaldamento dell’acqua, che è – come sopra abbiamo anticipato – altresì la fase più energivora della “vita” della lavatrice.

Tenetelo dunque bene a mente, onde evitare di ritrovarvi dinanzi a bollette monstre senza saperne il perché. Se poi volete saperne di più perché non leggere quanta acqua e energia consuma una lavastoviglie?

Lascia un commento