Umidità in casa: come misurarla, rimedi e prevenzione

umidità in casa rimedi

L’umidità in casa è causata da svariati fattori, tra le cause troviamo soprattutto un’impermeabilizzazione inadeguata della struttura;  a volte si tratta dell’utilizzo di materiali da costruzione non idonei, perché assorbono acqua in modo eccessivo. 

Umidità in casa, come riconoscerla

Se sui muri interni, esterni o sui pavimenti sono evidenti anche una di queste condizioni elencate di seguito, di sicuro l’abitazione è intaccata dall’umidità:

  • efflorescenze (patina bianca sulla superficie dovuta ai sali cristallizzati)
  • macchie e aloni
  • microrganismi (muffe e funghi)
  • distacco di intonaco
  • sollevamento dei pavimenti

Oltre alla mancanza di salubrità delle abitazioni, non è da sottovalutare la precarietà della tenuta della struttura,: quanto più la muratura assorbe l’acqua, tanto più questa diminuisce la propria capacità meccanica. Infatti se trattengono umidità in percentuale superiore al 70-80%, i materiali si possono corrodere e disgregare. In più le pareti umide riducono il loro potere coibente, il che significa che non sono più in grado di fornire la tenuta termica.

Umidità in casa, le cause

Come vi abbiamo già premesso ad inizio articolo, l’alto tasso di umidità presente negli ambienti è legato ad alcuni fattori, come:

  • L’isolamento termico di pareti e murature inadeguato
  • Le caratteristiche dei materiali
  • Le variazioni di temperatura.

Cause più frequenti:

  • Risalita capillare: l’acqua presente nel suolo risale lungo i muri attraverso i pori capillari dei materiali da costruzione
  • Infiltrazioni: l’umidità contenuta nel terreno è a contatto diretto con fondamenta o muri controterra dell’edificio
  • Condensa: il vapore acqueo dell’aria o prodotto negli ambienti si accumula allo stato liquido sul muro freddo

umidità

Umidità in casa, gli effetti

I principali effetti dell’umidità da condensa sono:

  • Colonie di microorganismi vegetali
  • Muffe
  • Batteri

Da non trascurare è che alla presenza di umidità da condensa si vive in ambienti malsani che potrebbero nuocere gravemente alla salute.

Misuratore di umidità in casa

Per misurare il livello di umidità in casa,  su una parete o nell’armadio, potete scegliere un modello professionale o un modello a basso costo. Certo se vi occorre per una perizia accurata, dovreste ricorrere a una “termocamera con rilevamento dell’umidità” che può arrivare a costare anche svariate centinaia d’euro.

Niente paura! Esistono anche modelli non professionali che costano meno di 10 euro e possono misurare l’umidità in casa riferendovi un minor numero di parametri ma che servono al loro scopo.

misuratori di umidità si chiamano Igrometri. Tra i vari apparecchi presenti sul mercato vi segnaliamo il termometro Igrometro Digitale TA298.

Abbiamo scelto questo prodotto non certo perché è blasonato (è piuttosto anonimo), ma per il suo ottimo rapporto qualità prezzo (è offerto in via promozionale a 7,12 euro e con spedizione gratuita) e per la sua praticità d’utilizzo e precisione nel misurare l’umidità in corrispondenza alla temperatura e all’orario. Riesce a misurare l’umidità in concentrazioni comprese tra il 10 e il 99%.

L’igrometro e` uno strumento molto utile per poter stabilire l’umidità presente in casa

A differenza degli apparecchi professionali che restituiscono precisione assoluta, i misuratori di umidità a basso costo possono presentare un grosso scarto d’errore che può superare anche il 10%. Il termometro igrometro che vi abbiamo suggerito ha uno scarto di errore minimo nel misurare l’umidità che tocca un massimo di 1 – 2%.

Umidità in casa, rimedi

Oltre ai rimedi naturali contro la muffa, esistono rimedi per eliminare l’umidità in casa, che vi riportiamo di seguito:

  • Arieggiare la casa almeno una volta al giorno per evitare anche muffe pericolose che possono far scatenare allergie e alcune forme di asma.
  • Quando si cucina, accendere la cappa
  • Dopo che si fa il bagno o la doccia, aprire le finestre o, se mancanti, azionare la ventola (sicuramente presente nei bagni ciechi) per dissipare il vapore e le relative umidità e condensa che, altrimenti, inevitabilmente, si depositerebbero sui muri
  • Non asciugare i panni, appena lavati, in casa

Può interessarti l’articolo “Come deumidificare l’ambiente”

Umidità in casa, rimedi naturali

Vi sono poi dei rimedi naturali che possiamo utilizzare stabilmente nelle nostre abitazioni per evitare, o togliere, l’umidità presente, Ne elenchiamo qualcuno:

Deumidificatore fai da te

Efficaci contro l’umidità in casa sono i deumidificatori a sali: è risaputo quanto il sale possa assorbire l’umidità. Sfruttando questa proprietà, possiamo creare un deumidificatore naturale con una bottiglia di plastica vuota oppure con un colapasta. Le soluzioni per costruire un deumidificatore sono svariate.

A tal proposito vi rimandiamo all’articolo “Come realizzare un deumidificatore fai da te”

Bustine di silice

Perchè non riciclare le bustine di gel di silice contro l’umidità? Prodotte con biossido di zinco, si tratta delle classiche bustine che trovate all’interno delle borse appena acquistate. Potete posizionarle nelle scarpiere, nei cassetti, negli armadi o anche in macchina per diminuire l’effetto di appannamento dei vetri.

Si possono disporre insieme a documenti, semi di piante, stivali e borsoni o piccoli elettrodomestici per impedirne il deterioramento dovuto all’umidità. Se la loro “funzionalità” dovesse risultare minima, è possibile “rigenerarle” lasciandole asciugare in forno per qualche minuto.

Non sempre è facile reperire le bustine di Silica-gel. Tra i vari negozianti online vi proponiamo le “micro-bag essiccanti tyvek”. Vi suggeriamo questo prodotto, oltre per il buon rapporto qualità prezzo anche per il confezionamento. Infatti, troppo spesso i commercianti forniscono le bustine di silice prive di qualsiasi protezione, quindi potrebbero già essere sature di umidità e non più efficaci.

Il prodotto di cui parliamo è disponibile a questo link e fornito con solo 2 euro di spese di spedizione: Silica Gel in bustine.

Lampade di sale Hymalaiano per combattere l’umidità in casa

Un’altra interessante soluzione è rappresentata dalle lampade di sale Hymalaiano. Anche se costano, le lampade durano molto a lungo e sono un oggetto di arredo anche apprezzabile. Dalle diverse forme accattivanti, possono creare una bella atmosfera con le loro luci colorate. Le lampade di sale Hymalaiano sono perfette per chi ama i rimedi naturali e ha leggeri problemi di umidità in quanto si comportano da regolatori di umidità.

Queste lampade si trovano in molti negozi di arredo, design, botteghe naturali o etniche, più facilmente può essere reperita online:

Come eliminare l’umidità in casa con la calce

Anche la calce è un ottimo assorbi umidità ma deve essere maneggiata con cura in quanto può danneggiare cute e occhi. Potete prendere un barattolo, versare la calce e fare dei fori sul tappo. In alternativa, potete mettere un sacco di calce leggermente aperto nelle zone più umide della casa.

Come prevenire l’umidità in casa

Se dovete tinteggiare le pareti è preferibile fare prima una passata di vernice con un prodotto specifico così da prevenire  il formarsi dell’umidità. Sono vernici  specifiche che prevengono il formarsi delle macchie di muffa sui muri di casa.

Tra i vari prodotti sul mercato segnaliamo la “Pittura termica anti-muffa e condensa” mentre per chi ha problemi eccessivi di muffa (magari in bagno, vicino la doccia), dovrà necessariamente impiegare prodotto impermeabilizzanti come il Mapelastic, un po’ più costoso (circa 70 euro al barattolo) ma altamente efficace…

Basterà pensare che è nato per isolare muri realizzati in corrispondenza di piscine, laghetti naturali e altri ambienti estremamente umidi.

Come combattere l’umidità in casa con l’aceto

Se non volete ricorrere a questa spesa, potete optare per una soluzione più semplice che consiste nel passare una mano di aceto bianco prima della tinteggiatura.

L’aceto di vino bianco è un  antibatterico davvero efficace contro muffa e umidità in casa. Gli acidi naturali dell’aceto frenano la proliferazione della muffa sulle pareti e neutralizzano il cattivo odore causato dall’umidità.

Come procedere

La quantità di soluzione da utilizzare dipende dalla grandezza della superficie da trattare. Ti basta sapere che dovrai rispettare una proporzione di un terzo di acqua e due terzi di aceto.

  1. Versare la soluzione in un flacone e agitare prima di usarlo
  2. Spruzzare il prodotto su tutta la superficie da tinteggiare
  3. Lasciare asciugare all’aria aperta

Nota bene: se la superficie è molto umida e interamente ricoperta di muffa è bene usare aceto puro senza diluirlo in acqua. Ripetere l’applicazione minimo per tre giorni prima di procedere con la tinteggiatura.

 

5 commenti su “Umidità in casa: come misurarla, rimedi e prevenzione”

  1. In una piccolissima casa di campagna(un vano e piccolo bagno) collocato tra fasce, dove ci rechiamo il fine settimana e quindi chiuso almeno per 5 giorni se non 15 quando saltiamo un we, troviamo sempre muffa sui mobili di legno non trattato di color verde e un forte odore di muffa, oltre che sul pavimento di legno di ulivo. Non abbiamo capito l’ORIGINE poiché i muri sono intatti. Cosa si puo fare? In casa c’è un condizionatore con deumidificatore ma non basta nei due giorni che andiamo..grazie

    • Ciao “Vi”, questo problema si verifica proprio perché non c’è riciclo dell’aria e i mobili in legno naturale (non trattati) sono le superfici più esposte… vi consiglierei di programmare il vostro condizionatore/deumidificatore con un timer così che entri in funzione diversi giorni a settimana e non solo nel weekend in cui soggiornate… in alternativa potete trattare il legno con apposte vernici antimuffa.

  2. ma queste muffe sono cancerogene? in genere le trovo sul pavimento e sono bianche.Ho casa col giardino ma ho provveduto a creare un vespaio sotto il pavimento ma ahime’ continuano.

  3. Abito al primo piano, sotto me c’è un box senza riscaldamento ed Alto 4 metri e 50. Inoltre la mi camere éesposta a Nord ed ha una parte del pavimento a sbalzo nel vuoto. Da qualche giorno si presenta della muffa sul muro di confine e trovo acqua sul pavimento, come posso risolvere questo problema ? Grazie per l’aiuto. Francesco

    • E’ un classico problema di condensa che a sua volta è dovuta alla differenza di temperatura fra i due vani. Bisogna quindi far isolate la parete sottostante con ca. 10 cm di sagest o lana di roccia a seconda della configurazione del locale. Bisogna anche arieggiare bene tutti i giorni. Aprire tutto per pochi minuti almeno una volta al giorno. Questo problema si risolve solo con un buon isolamento. Quando si isola evitare assolutamente i ponti termici, cioè TUTTO ciò che è esposto ad una differenza di temperatura elevata. (Es. anche la testa della soletta verso l’esterno.)

Lascia un commento