Deumidificatore fai da te, come realizzarlo

deumidificatore naturale fai da te

Deumidificatore fai da te: oggi vedremo come costruire un deumidificatore fai da te con pochi e semplici componenti facilmente reperibili in casa. Come funziona e quali vantaggi comporta.

L’umidità è la causa primaria di muffe e macchie, può rovinare vestiti e oggetti d’antiquariato. Il mercato offre vari modelli di deumidificatori ma questi o sono rumorosi o con prezzi insostenibili! Così è possibile costruire un deumidificatore fai da te con semplici oggetti di uso quotidiano.

In questa guida vedremo come fare un deumidificatore fai da te a base di sale e uno a base di cloruro di calcio. In ogni caso si tratta di deumidificatori naturali. Prima di passare alla spiegazione, vi ricordiamo che l’umidità si può eliminare impedendone il suo sviluppo.

“Come si forma l’umidità in casa? E soprattutto, cosa si può fare per evitarlo?” La risposta la trovate nell’articolo “Come deumidificare l’ambiente in modo naturale”

Deumidificatore fai da te, cosa ci occorre

Un deumidificatore naturale può dimostrare la sua efficacia sia in inverno sia in estate. Per costruirlo vi servirà:

  • una bottiglia PET
  • sale grosso
  • pistola a caldo (o cera o un qualsiasi altro sigillante)
  • pellicola trasparente o carta argentata
  • un chiodo

Deumidificatore fai da te, la procedura

  • Prendete una bottiglia d’acqua vuota e asciugatela con cura;
  • Tagliatela in due, con la parte del fondo che risulti più “lunga” della sezione “a imbuto” 
  • Senza rimuovere il tappo dalla sezione a imbuto, riempitela di sale grosso ed esercitate pressione per compattarlo al massimo;
  • Sigillate la sezione della bottiglia contenente il sale, con della pellicola trasparente o carta argentata. Ponete il sale grosso, così composto, nel freezer per almeno 24 ore, al termine delle quali il vostro deumidificatore naturale sarà quasi pronto.
  • Estratta la sezione a imbuto dal freezer, con un chiodo, praticate dei fori sul tappo della bottiglia
  • Rimuovete la pellicola (o la carta argentata) e poggiate la sezione a imbuto sull’altra metà della bottiglia.
  • Sigillate le due sezioni di bottiglia con della colla a caldo.
  • Quando il deumidificatore fai da te è pronto, posizionatelo in una stanza: quando il sale sarà del tutto bagnato e fluito nel fondo della bottiglia avrete eliminato l’umidità, normalmente un deumidificatore naturale impiega 3-4 giorni per eliminare l’umidità in modo efficiente.

Indicazioni utili: bastano circa 150 grammi di sale grosso per deumidificare una stanza delle dimensioni di 5 metri per 5.

Questo deumidificatore naturale può essere impiegato come deumidificatore portatile, basterà ricordarsi di “caricare” la bottiglia con del nuovo sale!

DEUMIDIFICATORE FAI DA TE

Un processo analogo può essere attuato sfruttando la capacità di eliminare l’umidità del cloruro di calcio. Anche il cloruro di calcio (come quello di sodio), riesce ad assorbire l’umidità per poi formare una soluzione liquida. Eecco perché bisogna forare il tappo della bottiglia e metterlo sul fondo: l’umidità sarà intrappolata nel fondo della bottiglia sotto forma di acqua!.

Come funziona il deumidificatore fai da te?

Il cloruro di sodio (sale da cucina) così come il cloruro di calcio,  sono composti molecolari con una particolare struttura cristallina in grado di “catturare” le particelle di acqua sospese nell’atmosfera. In altre parole questi due sali assorbono l’umidità sottraendola all’ambiente domestico.

Deumidificatore fai da te con contenitore

In alternativa alla bottiglia possiamo usare un contenitore di plastica con coperchio bucherellato, la scatola dovrà essere chiusa e al di sopra di essa dovrà essere disposto un sacchettino di organza contenente il sale grosso appunto.
Il sale presente nel sacchetto tenderà ad assorbire l’acqua presente nell’aria, per poi rilasciarla all’interno del contenitore.

Deumidificatore fai da te con lo scolapasta

Anche lo scolapasta può prestarsi come deumidificatore: basterà disporre del sale grosso, coprirlo con un telo leggero e posizionarlo dentro un contenitore. Il quantitativo è sempre lo stesso intorno ai 150 g.

Deumidificatore a base di sale o elettrici

Chi non vuole cimentarsi nella realizzazione di un deumidificatore fai da te può valutare l’acquisto di un deumidificatore a base di sali o di un modello elettrico. I deumidificatori a base di sali sono molto economici e funzionano grazie allo stesso principio naturale visto con i deumidificatori fai da te.

Al contrario dei deumidificatori fai da te descritti in questa pagina, alcuni deumidificatori a base di sale presenti sul mercato, sono muniti di una struttura che facilita la rimozione dell’umidità dall’aria, è il caso del dispositivo Ariasana. Il dispositivo Ariasana con Power Tab è un apparecchio a buon mercato che permette di assorbire l’umidità di casa mediante l’impiego di sali igroscopici.

Attenzione: le ricariche (tab) possono finire nell’arco di pochi giorni se poste in un ambiente molto umido! Ariasana si compra al supermercato al prezzo di circa 20 euro oppure è proposto al prezzo promozionale di 11 euro su Amazon e potete vederlo a questo indirizzo Questo indirizzo.

Chi preferisce un dispositivo elettrico ma non vuole spendere molto, può puntare su un deumidificatore dalla capacità di 500 ml come il  Duronic DH05, il suo prezzo da listino è di 98 euro ma anche questa volta non mancano promozioni per chi fa shopping online dove costa 59,99. Per capire come scegliere il deumidificatore migliore per la propria abitazione vi consigliamo di visitare la nostra pagina dedicata ai deumidificatori elettrici.

Come eliminare l’umidità, altri deumidificatori naturali 

Un deumidificatore naturale per eccellenza ce lo fornisce la natura! Si tratta delle classiche piante da appartamento in grado di eliminare l’umidità in modo naturale. Se le piante in estate sono causa di umidità a causa dell’esigenza di irrigazioni (infatti è consigliato diminuire il numero di piante da interni nel periodo estivo o scegliere quelle che non hanno bisogno di abbondanti irrigazioni), in inverno le piante possono rappresentare un’ottima soluzione.

Così, le piante possono essere considerate a pieni voti come un deumidificatore naturali a uso invernale! Per scoprire quali sono le piante più efficaci per “rinfrescare” l’aria di casa ed eliminare l’umidità visitate QUESTA PAGINA.

10 Commenti to “Deumidificatore fai da te, come realizzarlo”

  1. Cincin

    Gen 30. 2015

    grazie per questo tutorial, lo proverò sicuramente!
    Un passaggio non mi è chiaro: perché è necessario porre il sale nel freezer?
    Inoltre quando si va a ricaricare il deumidificatore con del nuovo sale lo si deve di nuovo mettere in freezer?

    Rispondi a questo commento
    • Antonio Salvioni

      Feb 23. 2015

      perchè è necessario porre il sale nel freezer?

      Rispondi a questo commento
      • Alessandro

        Feb 21. 2016

        La differenza di temperatura rispetto all’ambiente circostante incrementa il flusso di aria iniziale verso il sale oltre che per la differente concentrazione di vapore fra ambiente e superfice, anche per la differenza di temperatura. Una specie di catalizzatore termico temporaneo(finché le temperature non saranno in equilibrio omeotermo).

        Rispondi a questo commento
  2. Paolo82

    Nov 25. 2015

    Mettere il sale nel freezer serve per aumentare la forza assorbente, poi quando è umido dopo 3 o 4 giorni lo puoi mettere nel forno a microonde e farlo asciugarlo e riusarlo

    Rispondi a questo commento
    • Alessandro

      Feb 21. 2016

      Meglio usare un filtro di ceramica o vetro, per il riuso. Con il PET, per quello che costa, meglio definirlo dispositivo usa e getta.

      Rispondi a questo commento
  3. jose

    Dic 21. 2015

    una cosa non comprendo ; quando il sale sarà del tutto bagnato e fluito nel fondo della bottiglia, che abbiamo sigillato, si butta il tutto? Altrimenti, come si svuota per riutilizzarla per una nuova carica di sale?

    A proposito, grazie mille per l’utilissimo tutorial

    Rispondi a questo commento
  4. serenella

    Gen 08. 2016

    Qualcuno di voi ha provato questi sistemi???funzionano per togliere l.umidità??grazie

    Rispondi a questo commento
    • Alessandro

      Feb 21. 2016

      Sto cercando di usarlo in un ambiente che convoglia molta umidità. Se funzionerà, scriverò. Teoricamente il dispositivo è perfetto.

      Rispondi a questo commento
  5. Fabio

    Ago 26. 2016

    Scusate il mio scetticismo, ma secondo me un sistema del genere non abbasserebbe nemmeno di un paio di punti l’umidità in casa, a che serve passare dal 70% al 69% ? Meglio comprare un deumidificatore elettrico serio.

    Rispondi a questo commento

Trackbacks/Pingbacks

  1. Come eliminare la muffa | Tecnologia e Ambiente - 30 novembre 2013

    […] Per evitare la comparsa della muffa è bene installare dei deumidificatori: potete pure costruirveli da soli, risparmiando soldi: basta avere una bottiglia di plastica e il sale grosso. Approfondimenti su come costruire un deumidificatore fai da te cliccare qui […]

Lascia un commento