Antimuffa naturale: come farlo per eliminare la muffa in casa

Antimuffa naturale
Come preparare un efficace antimuffa naturale

Antimuffa naturale: come funziona e che cosa devi sapere per prepararne uno (o più di uno!) realmente efficace per la tua casa..

La muffa sta facendo visita alle pareti della tua casa? Il box doccia ha iniziato ad annerirsi? Le fughe tra le mattonelle si stanno imbrunendo?

In ogni caso, quel che ti ci vuole è un buon antimuffa naturale che, in maniera semplice, economica ed efficace, possa permetterti di dare una nuova igiene una nuova salute alla tua casa.

Ma come puoi prepararlo? Quali sono gli ingredienti per un antimuffa naturale ed efficace? Cosa devi sapere? E funziona?

Antimuffa naturale con ingredienti reperibili in casa

In primo luogo, sveliamo un piccolo dubbio. L’antimuffa naturale non serve solamente per correre ai ripari una volta che la muffa si è già creata, bensì per poter prevenire la muffa!

Anzi, non è certo sbagliato affermare che sia ancora più efficace nell’azione preventiva, piuttosto che in quella correttiva.

Se vuoi prevenire la muffa è infatti fondamentale trattare le zone a maggiore pericolo con un composto di acqua e di aceto, che possa disinfettare i muri in maniera naturale, eliminando buona parte dei batteri che possono dare origine alla muffa.

In tal senso, ricorda che l’ambiente che viene maggiormente attaccato dalla muffa è il bagno, considerato che qui si concentra il più elevato tasso di umidità.

Per scongiurare la muffa in bagno, ricordati anche che occorre arearlo il più possibile, soprattutto durante le stagioni fredde, e principalmente dopo l’utilizzo della doccia. Naturalmente, l’installazione di una ventola in bagno e in cucina (altra zona dove la muffa è favorevolmente in grado di instaurarsi!) potrà darti una mano per poter sconfiggere il problema alla radice.

Antimuffa naturale
Antimuffa naturale per prevenire e trattare la muffa

Antimuffa naturale con bicarbonato

Chiarito quanto sopra, compiamo un piccolo passo in avanti e cerchiamo di capire in che modo puoi eliminare la muffa con un antimuffa naturale.

Sicuramente, il prodotto più utile che potresti avere in casa è il bicarbonato di sodio, un evergreen nelle nostre pagine che è già stato protagonista di un focus su come togliere la muffa dai muri, e come farlo per la muffa sulle pareti con rimedi naturali!

Il bicarbonato di sodio è infatti uno sbiancante e battericida naturale molto efficace, che potrai certamente utilizzare anche per poter prevenire e eliminare la muffa che magari si sta purtroppo annidando nelle mura o tra le mattonelle.

Come procedere

Preparare l’antimuffa naturale con bicarbonato di sodio è davvero molto facile.

Inizia con il procurarti:

  • una tazza di acqua;
  • mezza tazza di aceto bianco;
  • un cucchiaio di bicarbonato di sodio;
  • qualche goccia di olio essenziale di limone e/o di lavanda.

Una volta che hai recuperato tutti questi elementi, mettili in un contenitore spray, e spruzza la sostanza sulle superfici che sono o possono essere interessate dalla muffa.

Grazie agli oli essenziali che avrai avuto modo di mettere nel flacone, il composto dovrebbe avere un odore piuttosto gradevole. Il bicarbonato e l’aceto bianco sprigioneranno invece la loro forza antimicrobica, contrastando la formazione della muffa.

Fai attenzione al potere sbiancante del bicarbonato di sodio: se applicato su pareti di tonalità colorate diversamente dal bianco, potrebbe infatti cambiare il tono originario delle pareti.

Antimuffa naturale bagno

Come abbiamo già avuto modo di ricordare qualche riga fa, il bagno è certamente la stanza su cui occorrerebbe riporre maggiore attenzione se vuoi efficacemente prevenire e contrastare la muffa.

Se oltre alle pareti, la muffa del bagno ha intaccato anche i sanitari, ti consigliamo di preparare un altro antimuffa naturale molto potente, con un detersivo in pasta che potrebbe darti una mano per poter eliminare il problema più in profondità.

Gli ingredienti di questo antimuffa naturale sono semplice:

  • bicarbonato;
  • sale;
  • acqua ossigenata.

Cerca di mescolarli in dosi che ti permettano di avere un composto omogeneo, sufficientemente denso, e spargilo sopra i sanitari che sono stati intaccati da queste antiestetiche e nocive macchie.

Quindi, lascialo agire per un po’ di tempo, e poi procedi con il risciacquare con cura.

Una volta che le superfici sono state adeguatamente trattate con questa soluzione, provvedi a lucidare le stesse, passando una spugna imbevuta di aceto bianco e di acqua calda. In questo modo riuscirai a completare il processo sgrassante e antibatterico, sfruttando le proprietà dell’aceto, e potrai dare una nuova vita ai tuoi sanitari.

Antimuffa naturale per vestiti e tappezzeria

Un altro ambiente che può essere frequentemente intaccato dalla muffa è rappresentato dall’abbigliamento o dalla tappezzeria. In questo caso, la muffa non è certamente meno dannosa e meno fastidiosa!

Fortunatamente, anche per queste ipotesi puoi fare davvero tanto per poter cercare di correre ai ripari, applicando magari un antimuffa naturale apposito, che di seguito andiamo a consigliarti.

In primo luogo, puoi prendere dell’alcol e diluirlo in acqua: questa soluzione liquida potrà essere usata per lavare i tessuti che sembrano esser stati presi di mira dalla muffa.

In alternativa, qualora questo trattamento non sia sufficiente o in grado di eliminare la muffa, puoi provvedere con un mix di sale grosso e limone, che poi puoi lasciare agire sui tessuti, e rimuovere con un bel lavaggio a base di sapone di Marsiglia.

Ad ogni modo, ricorda che come per qualsiasi cosa… anche per la muffa è fondamentale cercare di agire in termini preventivi. Cura sempre l’igiene degli ambienti domestici e dei tessuti, e effettua dei periodici lavaggi disinfettanti!

Il Ministero della Salute fa sapere che l’esposizione a muffa può causare anche danni funzionali e che, i più esposti, sono i bambini con un’età compresa tra i 6 e i 12 anni.

Lascia un commento