Gli animali non sono immondizia ma in Alaska vengono buttati in discariche

Sembra che in Alaska, molte persone hanno difficoltà a distinguere tra una discarica e un ricovero per animali. Ogni anno, infatti, numerose persone scelgono di abbandonare gli animali nella discarica di Fairbanks North Star Borough. Il freddo in Alaska è letale per gli animali, perché qualcuno decide di scegliere il sito di stoccaggio rifiuti, piuttosto che uno dei ricoveri destinati agli animali è ancora un mistero. Sembra che alla base di questo problema ci sia una mentalità marcia.

Può Interessarti: Mattanza di cani anche in Italia, gli animali finiscono in una discarica abusiva

In Alaska gli animali sono concepiti come una proprietà, come un qualsiasi bene “usa e getta“. In tutta l’America i tribunali stanno lentamente iniziando a far rispettare le leggi a tutela dei diritti degli animali. Questi progressi sono delle piccole speranze.

Grazie a Sonia Horon per la foto, "Cane in Alaska"

Ogni anno, alla discarica di Fairbanks, animali domestici vengono abbandonati e rinvenuti legati ai cassonetti o rinchiusi in gabbie e lasciati esposti alle intemperie. La temperatura di Faibanks è estremamente fredda, chi getta via il proprio cane alla discarica non compie solo un gesto insensibile ma anche consapevolmente crudele. Il fatto ancora più sconcertante è la presenza di una valida alternativa. Sandra Klimaschesky, addetta ai lavori per la tutela degli animali in Alaska, è sconcertata.

Può interessarti: Uccini 150 cani, tra gli autori della strage un gruppo di adolescenti

In Alaska esistono ricoveri per animali aperti 24 ore al giorno, sette giorni su sette. Il supervisore Sandra Klimaschesky parla di gabbie riscaldate e rifugi sicuri, ma in Alaska molti abitanti ignorano questi posti e continuano la loro disumana opera di abbandono. Se qualche cane riesce a cavarsela, non ci sono speranze per i gatti che, commenta Sandra:

Spesso in inverno hanno le zampe congelate. Abbiamo trovato gatti che ormai avevano perso l’uso delle orecchie o addirittura, abbiamo incontrato gattini che dovevano essere abbattuti perché alcuni dei loro organi interni si erano congelati. Abbiamo visto tante cose orribili!”

Può interessarti: Nasce la Prima scuola di Giurisprudenza per i Diritti degli Animali

Nel 2011, circa 30 animali sono stati abbandonati nei siti di stoccaggio dell’immondizia. Tre erano già morti quando sono stati ritrovati. I supestiti sono stati accolti in rifugi e non sono solo cani ma vari animali domestici come gatti, pappagalli, criceti, caprette, furetti e altri rettili esotici. Lo scorso dicembre sono state trovate due tartarughe abbandonate in un secchio d’acqua presso un sito di stoccaggio del Polo Nord ma fortunatamente per loro, un buon samaritano le ha trovate prima che morissero assiderate.

“E’ stata una sorpresa” ha affermato Klimaschesky. “Riceviamo molti animali dai siti ma siamo stati sorpresi dalle tartarughe. Adesso godono di buona salute e hanno ricevuto molto interesse”

I rifugi in Alaska sono molto pratici. Gli animali possono essere lasciati in gabiette riscaldate e già munite di cibo. Chi consegna l’animale al rifugio non deve farsi necessariamente identificare, può lasciarlo anche in anonimato. Dunque non c’è alcuna ragione per la quale un individuo dovrebbe prediligere una discarica al rifugio se non quella di egoismo, superficialità e crudeltà.

9 commenti su “Gli animali non sono immondizia ma in Alaska vengono buttati in discariche”

  1. Ebbene si, odio sempre di piu’ i miei simili. Anche in Alaska sono cosi’ teste di c …. ???? Auguro loro di morire tutti di freddo, ma proprio tutti ….

  2. Quando leggo queste cose sinceramente sto molto male!!! evidentemente tra di noi”UMANI” ce ne sono troppi che non hanno diritto di stare al mondo!!!!

Lascia un commento