Lutto Mondiale: il Rinoceronte Nero è ufficialmente estinto

rinoceronte nero

Il rinoceronte nero dell’Africa occidentale è ufficialmente estinto, a riportare la notizia è stata la CNN. Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della natura, che annualmente compila la lista rossa delle specie più minacciate, il rinoceronte africano è stato avvistato l’ultima volta nel 2006 ma solo oggi è stato dichiarato ufficialmente estinto: il bracconaggio dei rinoceronti è salito quasi del 50% tra il 2011 e il 2012 con quasi 2.400 capi cacciati dal 2006. Le stime sono state rilasciate dalla IUCN, la più grande rete di “conservazione delle specie” al mondo.

PUO’ INTERESSARTI | Koala Confuso, gli hanno tagliato casa – Le Foto

Il mercato nero del corno di rinoceronte è finanziato dalla criminalità organizzata, inoltre, l’IUCN ha lanciato l’allarme che riguarda il rinoceronte bianco dell’Africa settentrionale e il rinoceronte dell’Asia. Sembra che queste due specie stiano seguendo le orme del rinoceronte nero e potrebbero estinguersi tra non molto se non si applicano immediatamente misure preventive.

Il rinoceronte bianco dell’Africa meridionale è stato dichiarato a rischio estinzione alla fine del 19° secolo ma attività come la salvaguardia ambientale e il mantenimento dei loro habitat naturali, ha contribuito a far rivivere una specie in diminuzione. Le medesime precauzioni non sono state condotte con il rinoceronte nero e in più altre due specie rischiano di fare la stessa fine. E’ necessario che siano presi dei severi provvedimenti e che anche il governo faccia la sua parte.

energia

Di recente è stato siglato un protocollo d’intesa tra il Sudafrica e il Vietnam per affrontare il problema legato all’epidemia del bracconaggio di rinoceronti ma a sentire l’IUCN tali accordi non bastano e ci vogliono azioni più concrete.

PUO’ INTERESSARTIAbbandono dei cani d’estate, una guida per aiutare gli animali

Anche Google, il colosso del web, è intenzionato a combattere il bracconaggio:
L’interesse di Google all’ambiente non si limita alle rinnovabili. Google scende in campo e affianca il WWF nelle operazioni anti-bracconaggio. Con l’avanzare delle tecnologie, ibracconieri hanno avuto vita facile: fucili super potenti, elicotteri, visori notturni e tante altre strategie che consentono di catturare e uccidere prede in via di estinzione come elefanti e rinoceronti. Per fortuna i “buoni” possono contare su un nuovo alleato, Google e la tecnologia dei “cattivi” potrà essere messa ai ferri corti.

PUO’ INTERESSARTI | Scoperta Lumaca gigante e rosa fluorescente, vive in Australia

Google ha investito 5 milioni di dollari per la diffusione di tecnologia di sorveglianza anti-bracconaggio, così il WWF potrà contare su droni di sorveglianza aerea e sistemi RFID (identificazione a frequenza radio) per monitorare le posizioni degli animali servatici e altri strumenti hitech degni del colosso del web. Speriamo che questo possa bastare per frenare il tracollo delle specie di Rinoceronti.

Vuoi altri aggiornamenti sul regno animale? Fai mi piace sulla pagina Facebook Tecnologia Ambiente

Fonte | YaHoo News, 27 giugno 2013

loading...

40 Commenti to “Lutto Mondiale: il Rinoceronte Nero è ufficialmente estinto”

  1. Max

    Giu 28. 2013

    ….come sempre a molti neanche interesserà la notizia….io dico solo : che tristezza, un’altra meraviglia della natura persa!

    Rispondi a questo commento
  2. Annalisa

    Giu 28. 2013

    Perchè la date come notizia del 2013 se il rinoceronte nero è stato inserito nella lista delle specie estinte della IUCN nel 2011?

    Rispondi a questo commento
  3. Rosalia

    Giu 28. 2013

    Ma io dico… ma possibile che le guardie zoofile internazionali o chi di competenza non abbiano pensato a prendere delle coppie e inserirle in parchi artificiali per ripopolarli???
    Ho il cuore piene di rabbia oltre che di tristezza!!!

    Rispondi a questo commento
    • Vale

      Giu 29. 2013

      Esattamente! E’ quello che dico io! Caspio, ma è possibile che non riescono a fare NULLA per impedire quei massacri??

      Rispondi a questo commento
    • Shade

      Giu 29. 2013

      Anche ipotizzando che ogni parco avesse adottato qualche esemplare, ipotizzando un totale di 300 individui, avresti comunque impoverimento genico della specie che porterebbe all’estinzione.

      Il vero problema è che i bracconieri sono come il cancro, difficili da estirpare, di sicuro il menefreghismo delle persone non aiuta.

      Rispondi a questo commento
    • Matteo Sisti

      Lug 01. 2013

      Concordo in pieno…rabbia e dolore…perché l’uomo è così menefreghista nei confronti del mondo e della natura che lo circonda?!?!

      Rispondi a questo commento
  4. Thanos X

    Giu 29. 2013

    Queste cose capitano perché la gente se ne frega. I governanti queste cose le incoraggiano pure e la gente comune… seeee, prova a spiegargli la salvaguardia dell’ambiente, ti additano come hippie e continuano a sporcare le strade con la loro spazzatura

    Rispondi a questo commento
  5. valentina

    Giu 29. 2013

    non ci posso credere….. non riesco a credere che sia estinto davvero…. maledetti….

    Rispondi a questo commento
  6. Tex

    Giu 29. 2013

    🙁

    Rispondi a questo commento
  7. Boby

    Giu 29. 2013

    Se fosse commestibile,il corno,li capirei ma li condanno in tutti modi possibili e peggiori maledetti…

    Rispondi a questo commento
    • maic

      Lug 04. 2013

      ma anche fosse non credi ci sarebbero altre cose più facili da mangiare prima di dover arrivare al corno di un rinoceronte??

      Rispondi a questo commento
    • Flavia

      Lug 29. 2013

      Non credo che sia l’atteggiamento adeguato. Il fatto che sia commestibile o meno non giustifica in nessun modo questa barbarie. Se fosse commestibile allora dovremmo accettare un fatto simile? Assolutamente no.

      Rispondi a questo commento
  8. Michele

    Giu 29. 2013

    L’unica sottospecie estinta di rinoceronte nero è Diceros bicornis longipes ed è stata dichiarata estinta nel 2011! Due sottospecie sono considerate ad alto rischio ed una è classificata come vulnerabile. Mi sorprende come una notizia del 2011 possa resuscitare all’improvviso due anni dopo e riempire tutti i blog in meno di 24 ore…

    Rispondi a questo commento
  9. Ty

    Giu 29. 2013

    Di nuovo?
    Non si era estinto già due anni fa?

    Rispondi a questo commento
  10. Raffaele

    Giu 29. 2013

    Assurdo…

    Rispondi a questo commento
  11. michele

    Giu 29. 2013

    ….è un vero sacrilegio! è vero lottare contro le organizzazioni criminali è molto difficile ma tutto il mondo della politica dell’estinzione di questi meravigliosi animali non gliene frega niente altrimenti nulla è impossibile quando una cosa si vuole fare veramente….I BRCCONIERI VANNO SPARATI A VISTA E I COMPRATORI ALL’ERGASTOLO 🙁

    Rispondi a questo commento
  12. Marco

    Giu 29. 2013

    L’uomo e’ la specie piu’ pericola per questo mondo… Molta gente e’ veramente cattiva! Io spero che gli animali un giorno si riprenderanno quello che e’ un tempo era loro!!!

    Purtroppo a tanta gente non frega nulla, basta che stanno bene loro… poi di cio’ che gli sta’ vicino.. .sti cavoli!!
    La cosa ridicola, e’ che, come qualcuno ha gia’ detto, a molti non interessa questa notizia… preferiscono leggere che Belen e’ incinta (come se per vosta madre/sorella/amica sia diverso)…

    Tutti si lamentano di questa TV spazzatura e informazione povera di contenuto… ma se questi vanno avanti e’ perche’ tanta gente li segue (anche se negano).

    Rispondi a questo commento
  13. monica

    Giu 29. 2013

    facciamo un applauso a chi ha fatto si’,che succedesse tutto questo!!!!!!!!…….:( che tristezza!!!!!

    Rispondi a questo commento
  14. camilla

    Giu 29. 2013

    l’egoismo ,l’ignoranza la bestialita’ di chi materialmente provoca queste barbarie da una parte , l’impotenza d’azione ed applicazione di metodi efficaci per combattere questa sottospecie inclassificabile (che spero si estingua sicuramente creando un equilibrio.)dall’altra.
    nb: la causa da ricercare non sono i bracconieri ma chi acquista e fa’ mercato . sarebbe buona cosa invece, creare oportunita’ di guadagno attraverso un lavoro dignitoso che dovrebbe essere un diritto per questi poveracci utilizzati dai potenti.

    Rispondi a questo commento
  15. mario

    Giu 29. 2013

    con lui è morto una parte del ns passato e un pizzico del ns cuore ,,,,,,,,,ADDIO

    Rispondi a questo commento
  16. Marco

    Giu 29. 2013

    Sarebbe il caso di legalizzare la caccia ai bracconieri, e perchè no…. Pagarli tanto al chilo !!!! …… Gli uomini sono come l’erbaccia …. Se necessario vanno distrutti dalle radici.

    Rispondi a questo commento
  17. claudia

    Giu 30. 2013

    e ancora un altra meraviglia estinta……la natura dovrebbe continuare a ribellarsi

    Rispondi a questo commento
  18. stefano

    Giu 30. 2013

    menefreghisti spero gli entra 1 puma in casa ..

    Rispondi a questo commento
  19. Lucio

    Giu 30. 2013

    il rinoceronte nero ‘Diceros bicornis’ conta(va) 4 diverse sottospecie, solo una di queste è stata dichiarata ‘sperimentalmente estinta’ fin dal 2006, ovvero da quando non se ne sono avvistati più…logicamente, come si suol dire, l’assenza di prove non è prova di assenza, pertanto l’estinzione, diciamo, ufficiale viene dichiarata dopo un certo numero di anni, fra l’altro nell’articolo si parla di ‘rinoceronte nero occidentale’ e non di rinoceronte nero e basta, certo il titolo è quello che è ma è chiaramente fatto apposta…

    Rispondi a questo commento
  20. alessio

    Giu 30. 2013

    quanto potra’ durare la pazienza del nostro pianeta sfruttato con le guerre tutto il sangue sparso per gli interessi della nostra specie e dal momento che non abbiamo un altro pianeta da sfruttare c’e’ da auspicarsi che ci autodistruggeremo con una guerra atomica forse solo allora sulla Terra verranno rispettati gli equilibri della natura

    Rispondi a questo commento
  21. Silvio casula

    Giu 30. 2013

    …pena di morte per i bracconieri e tutti quelli che ci girano intorno,tanto fino ad arrivare all’estinzione del genere umano ce ne vuole!!!

    Rispondi a questo commento
  22. Nome (richiesto)

    Giu 30. 2013

    qui in Kenya ci sono! pochi ma ci sono! nn so come fare ma ho foto che possono testimoniarlo…avvistamenti recenti durant ei nostri safari

    Rispondi a questo commento
    • D

      Ago 03. 2013

      Perchè solo una delle 4 sottospecie si è estinta. Le altre 3 ci sono ancora. Ovviamente pochi esemplari..

      Rispondi a questo commento
  23. destroyer

    Lug 01. 2013

    Invece di pagare delle guardie nei parchi per tenerle lì, bisognerebbe pagarle per uccidere i bracconieri, in maniera dolorosa ovviamente

    Rispondi a questo commento
  24. gaiuzza

    Lug 01. 2013

    :,-(……e’ colpa nostra..colpa anche mia..

    Rispondi a questo commento
  25. Alagi Domenico

    Lug 01. 2013

    Sicuramente i bracconieri sono cancro ma fino a quando un mondo civile, si fa per dire, come il nostro, si vuole adornare di avorio o di pelli pregiate o qualsiasi cosa derivi da gli animali, questa strage di sterminio delle speci non avrà mai fine. Quindi smettiamo di essere ipocriti e cerchiamo di riscoprire il rispetto per le speci così dette minori, siamo nel terzo millennio con un milione di alternative a ciò che ci può offrire l’atroce sofferenza di un animale. Pensacci uomo

    Rispondi a questo commento
  26. SIMONA

    Lug 04. 2013

    non avrei mai voluto dirlo e fino a qualche tempo fa ci credevo veramente che potevamo tornare indietro e migliorare, ma a questo punto penso proprio che siamo al punto di non ritorno e dovremmo avere molta paura di ciò……

    Rispondi a questo commento
  27. D

    Ago 03. 2013

    Umani.

    Rispondi a questo commento
    • riberta

      Gen 27. 2015

      …umani no ,direi subumani-se estinguessimo i negri sarebbe una fortuna per l’umanità ed evitatemi i soliti ridicoli commenti del tipo razzista e scemenze varie

      Rispondi a questo commento

Trackbacks/Pingbacks

  1. Animali estinti: gli esemplari che non vedremo più a causa dell’impatto umano | Tecnologia e Ambiente - 14 novembre 2013

    […] con la sottospecie dell’Africa occidentale del Rinoceronte Nero, dichiarato estinto a causa delle opere di […]

Lascia un commento