Pepsi, il cancro delle nuove generazioni

la pepsi fa male

Beyonce sembra non essere preoccupata delle sostanze chimiche presenti nella Pepsi eppure, questa bibita può essere considerata il cancro delle nuove generazioni. Dopo numerose accuse, la Coca-Cola ha avviato un programma chiamato “Life” dove ha sviluppato una versione di Coca-Cola che contiene solo dolcificanti naturali, la coca-cola Life sarà presto sul mercato ma intanto chi beve Coca o Pepsi non aiuta di certo la propria salute.

Secondo una ricerca condotta dal Centro californiano per la Salute, la Pepsi contiene una sostanza altamente cancerogena. Si tratta del 4-metilimmidazolo. La sostanza è nota per causare cancro nei ratti.

Chiunque beva “sode”, ha ingerito tale sostanza per anni. La Pepsi e la Coca-Cola, essendo i maggiori produttori di bibite gassate, hanno subito pressioni per rimuovere tale sostanze dalle loro bibite. Se la Coca-Cola ha rimosso quasi del tutto il 4-metilimmidazolo, ciò non è stato fatto dalla Pepsi. Per la Pepsi, la rimozione è avvenuta solo per le bibite prodotte in California… chi beve Pepsi al di fuori di questa Nazione continua a ingerire alti livelli di 4-metilimmidazolo.

Il 4-metilimmidazolo è un additivo derivato da un colorante ambientale. Esclusi gli additivi, la Pepsi (e la Coca Cola) è una bevanda data da acqua zuccherata arricchita di caffeina… ma commercializzare una bevanda così non avrebbe molto senso da un punto di vista di marketing!

Un commento su “Pepsi, il cancro delle nuove generazioni”

Lascia un commento